Escapes

ESCAPES è disponibile su tutti gli stores digitali >> linktr.ee/mattatoio5band

Un nuovo progetto ricco di sfumature elettroniche. Escapes è stato registrato a febbraio 2020 al Lesder Studio di Tommaso Mantelli e vede la produzione artistica di Amaury Cambuzat (Ulan Bator, FaUSt), oltre che le partecipazioni della cantante Romina Salvadori (estAsia), della poetessa canadese, ma di stanza a New York, Adeena Karasick e di Bernardino Carbone alla batteria acustica.

I testi e le atmosfere si ispirano all’opera Carceri d’Invenzione, una serie di 16 incisioni realizzate da Giovanni Battista Piranesi tra il 1745 e il 1750, in cui le prospettive impossibili ci ricordano, come in un incubo, la dimensione astratta della nostra esistenza umana attraverso “la negazione del tempo, lo sfalsamento dello spazio, la levitazione suggerita, l’ebbrezza dell’impossibile raggiunto o superato”.
Nelle performance live, queste pulsioni saranno interpretate dall’artista visivo Igor Imhoff, mentre le fotografie sono di Nicola Paccagnella e l’artwork di Nicola Stefanato.

MusicaAttiva – Intervista su Radio Gamma 5

“Avevamo avuto nei nostri studi questa band circa un lustro fa con il loro disco d’esordio “Cheap Pop” e abbiamo dovuto aspettare tutto questo tempo per l’uscita della loro seconda opera ma a nostro parere ne è valsa proprio la pena poiché “Escapes”, questo è il titolo del disco, porta i MATTATOIO5 a compiere un interessante e convincente passo artistico in avanti. Venerdì 5 FEBBRAIO alle solite ore 21 sui radiofonici 94.00Mhz di Radio Gamma 5 per il Veneto e in streaming dal sito www.musicaattiva.com per tutto il resto del mondo andrà in onda mUSICAaTTIVa che in questa puntata avrà ospite questo trio dalla riviera del Brenta. Per chi ha la memoria più lunga si ricorderà che la band allora era un quartetto ma i rimanenti tre che avremo in studio ovvero Tommaso (voce, basso e synth), Davide (chitarra) e Filippo (synth, tastiere e programming) a dirla tutta per questo disco hanno avuto pure il supporto di due voci femminili special guests sparse tra le varie tracce dell’album cioè l’ex cantante degli estAsia Romina Salvadori e la poetessa canadese Adeena Karasick. Dicevamo appunto tanto tempo ma in verità la band in questi anni non si è di certo presa una pausa ma ha lavorato in diversi progetti alternativi che univano la musica in maniera trasversale con le arti visive, col teatro, con il reading , con la danza e con vari artisti-performer. Ma ritorniamo al campo di nostra competenza cioè la musica e quindi a raccontarvi “Escapes” e si può affermare da subito che non tradisce le radici del gruppo, infatti potrebbe definirsi la perfetta continuazione del precedente lavoro. Ancora una volta i Mattatoio5 si muovono in equilibrio tra post-rock e dark come noi allora li avevamo definiti, ma stavolta arricchiti da diverse altre sfumature e contaminazioni che una volta mancavano. Già il primo brano che noi vi stiamo passando da mesi nei nostri spazi quasi omonimo al disco “Escape” ne è un chiaro esempio!! Cantato impeccabilmente dalla Salvadori con una voce eterea e penetrante che non teme il confronto di una come Elizabeth Fraser dei Cocteau Twins, capostipite del genere, il brano resta sospeso magicamente senza tempo tra il dream-pop e l’elettronica della scuola di Bristol. Per atmosfera è quasi assimilabile a quel capolavoro che è “Teardrop” dei Massive Attack, per intenderci! Il disco però si apre diversamente, con “Hey These” cioè un elettro-dark apocalittico dove si muove la voce, stavolta di Tommaso, portando calore e timbriche profonde che ricordano, con lo scorrere della canzone, un certo rock elettronico alla Depeche Mode. Su questa linea è pure il secondo singolo con videoclip dopo “Escape” cioè “The Gutters” anche se in questo caso si prende vie meno oscure e più cosmiche strizzando l’occhio ad un certo krautrock. Andando avanti il disco si fa vario ma uniforme passando per l’elettronica rumorista di “Untie Me” con la voce sensuale da femme fatale della Karasick, al dark ambient con ottimo duetto vocale maschile-femminile di “Gray”, ai brani più rock-wave con chitarre alla New Order vedi “Developing Solutions” e “Please”. Non manca nemmeno la new wave cantata in maniera più solenne da Tommaso che parte con il synth anni 80 ma finisce con chitarre noise e ansiogene alla Bauhaus. Il disco termina con due suite che rasentano gli 8 minuti con le chitarre in arpeggio circolare tipico del post-rock: la prima “Rat Race” usa in maniera massiccia e tagliente il synth; la seconda “Lost In Time” è un altro duetto vocale dove la voce femminile fluttua instabile per tutto il brano fino a sposarsi perfettamente, nella seconda parte della traccia quando finalmente entra, con quella maschile più rassicurante e serena tra sonorità decisamente astrali ed una buona linea di melodie indie-pop. Vi abbiamo detto già fin troppo e quindi basta chiacchiere e spazio alla musica. Se volete scriverci e dire la vostra durante la diretta lo potete fare mandandoci tutti gli sms che volete al numero unico della radio 334-7102672 o postando nella sessione ‘Discussione’ dell’evento facebook https://www.facebook.com/events/3787353101325272/ e noi leggeremo i vostri pensieri.

Lo STAFF di mUSICAaTTIVa


LINK:
www.mattatoio5band.com
https://www.facebook.com/mattatoio5band
https://www.instagram.com/mattatoio5band/
www.musicaattiva.com
www.facebook.com/musicaattiva
canale youtube: @musicaattiva https://www.youtube.com/channel/UCq2IONALIeYPwdOZhnkEYmg

Video ESCLUSIVA Sentireascoltare – Escape | Mattatoio5 feat. Romina Salvadori

In esclusiva su Sentireascoltare ESCAPE, il brano che anticipa il nostro nuovo album in uscita a novembre. Grazie a Romina Salvadori che ha dato voce ai nostri suoni e a Igor Imhoff che ha dato forma alle nostre visioni.
Take a look !

https://sentireascoltare.com/video/mattatoio5-feat-romina-salvadori-escape
alla ricerca di un riparo dalle ossessioni della mente, l’alter ego virtuale di Romina è immerso in uno scenario liquido nel quale le strutture architettoniche subiscono alterazioni digitali da glitch e musica. Romina muta la sua forma, evade inafferrabile emergendo in una nuova realtà.

ESCAPES preview party – Anfiteatro Martesana – circolo IAM Milano

Sabato 19 settembre saremo ospiti del Circolo IAM per presentare l’album ESCAPES, in uscita a ottobre 2020.
Mattatoio5: ESCAPES preview party

ESCAPES è stato registrato lo scorso febbraio al Lesder Studio di Tommaso Mantelli con la produzione artistica di Amaury Cambuzat (Ulan Bator , FaUSt) e vede la collaborazione con Romina Salvadori (estAsia), Adeena Karasick (poetessa e scrittrice americana) e Bernardino Carbone alla batteria acustica.

I testi e le atmosfere si ispirano all’opera “Carceri d’invenzione” dell’artista incisore Giovanni Battista Piranesi, in cui le prospettive impossibili ci ricordano la dimensione astratta delle nostra esistenza umana.
Nella performance live queste pulsioni sono interpretate dalla poesia visive di Igor Imhoff
L’artwork di Escapes e il video del brano Developing Solutions sono stati realizzati con le immagini del fotografo Nicola Paccagnella, scomparso prematuramente lo scorso ‪7 febbraio‬, il cui lavoro inedito Umane Tracce sarà ospitato presso la Galleria Alcentoquarantadue , nell’ambito degli eventi di Milano Photofestival

Prenota qui il tuo posto – evento a numero chiuso
circoloiam.it/events/mattatoio5

Supporting artists – Friday on bandcamp

Può sembrare semplice ma il modo migliore per aiutare gli artisti è supportarli finanziariamente.

Solo per oggi venerdì 20 marzo, Bandcamp – piattaforma online che permette di ascoltare e acquistare musica – rinuncerà alla sua commissione di transazione come segno di solidarietà nei confronti degli artisti, destinando il 100% della somma all’artista di cui stai comprando l’album.

Essere un artista vuol dire essere parte di una comunità che si unisce e si sostiene soprattutto in questi momenti e per questo motivo ti suggeriamo artisti che hanno partecipato ad Art Shelter o con i quali abbiamo stretto collaborazioni.

Il nostro primo album Cheap pop lo trovi qui https://mattatoio5.bandcamp.com/album/cheap-pop

Ora è il momento di aiutare la nostra comunità.

Amaury Cambuzat
https://amaurycambuzat.bandcamp.com

and we were shadows
https://andwewereshadows.bandcamp.com

Artcore machine
https://artcoremachine.bandcamp.com

Bad Pritt
https://badpritt.bandcamp.com/releases

Bartolomei
https://soundsagainsthumanity.bandcamp.com/album/sogno

Blankk
https://blankk.bandcamp.com

Bruno Mantra
https://brunomantra.bandcamp.com

Dagger moth
https://daggermothmusic.bandcamp.com

Daniele Bogon
https://danielebogon.bandcamp.com

Demetrio Cecchitelli
https://manyfeetunder.bandcamp.com/album/slow-transformation

Devotion 9
https://devotion9.bandcamp.com

Faust Degada
https://mannequinrecords.bandcamp.com/album/mnq-009-degada-saf-no-inzro

Francesco Cigana
https://francescocigana.bandcamp.com

I Love MY Dentist
https://ilovemydentist.bandcamp.com

Kleinkief
https://kleinkief.bandcamp.com

LSKA
https://music.lska.org

Mario Lino Stancati
https://studiololaps.bandcamp.com/album/ausweg

Musica da cucina
https://musicadacucinalongsong.bandcamp.com

Petrolio
https://petrolio.bandcamp.com

Plainn
https://plainn.bandcamp.com/releases

Push Against New Fakes
https://pushagainstnewfakes.bandcamp.com

Superportua
https://shyrec.bandcamp.com/album/resterai-sempre-uno

Templezone
https://finalmuzik.bandcamp.com/album/neosphera

The giant undertow
https://thegiantundertow1.bandcamp.com

The rip
https://theripitaly.bandcamp.com

Tommaso Mantelli
https://shyrec.bandcamp.com/album/9-useless-tunes

Walter Fini
https://walterfini.bandcamp.com

Wanda Wulz
https://wandawulz.bandcamp.com

A morsi – Casa Respiro Morgano

A MORSI – Performance poetica multimediale con Vasco Mirandola e Mattatoio5 – Casa Respiro

Un viaggio nei testi della nuova poesia, che racconta il disagio dei nostri tempi e disegna una mappa di resistenza attiva che propone dialogo, umanità e coraggio.

Ama la goccia che fa traboccare il vaso. È nascosto lì ogni bel cambiamento.
( Gemma Gemmiti )

Aprire finestre con un urlo, dar sfogo alla rabbia, usare parole come pietre, come frecce, per rompere muri, per buttare giù pareti che dividono, per far entrare aria che ci dia respiro. Dire con parole che non offendano, non chiudano, non feriscano, non
distinguano, ma comprendano. Ridare dignità a chi le pronuncia e a chi le ascolta, tentare un salvataggio.

Vasco Mirandola: testi, voce recitante
Davide Truffo: chitarra
Tommaso Meneghello: voce, basso, synth
Filippo De Liberali: synth, programming e visual

Testi:
Una bestia – Alessandro Burbank
Piano per la fine della luce – Gabriele Stera
La rivolta – Volevo violentare una città – Francesco Targhetta
Alzati e cammina – Luigi Nacci
La statale a maggio – Piero Simon Ostan
Il seme della tempesta – Mariangela Gualtieri
Noi dovremmo brulicare – Gianluigi Gherzi
Messaggio dal Quebec – Louise Lecavalier

Vasco Mirandola e Mattatoio5 continuano la collaborazione iniziata con lo spettacolo multimediale Fix Me, uscito nel 2017, che affrontava il tema dell’Alzheimer. Li accomuna il gusto di una ricerca tra immagini, video, danza, musica elettronica e parole, che restituisca delle riflessioni su temi scottanti della contemporaneità.

Info e prenotazioni:  respiroassociazione@gmail.com | 328 4460205 (Annarita)

Segui su Facebook

A morsi su Treviso Today

A morsi – Carichi sospesi Padova

A MORSI – Performance poetica multimediale con Vasco Mirandola e Mattatoio5 – Circolo culturale Carichi sospesi

Un viaggio nei testi della nuova poesia, che racconta il disagio dei nostri tempi e disegna una mappa di resistenza attiva che propone dialogo, umanità e coraggio.

Ama la goccia che fa traboccare il vaso. È nascosto lì ogni bel cambiamento.
( Gemma Gemmiti )

Aprire finestre con un urlo, dar sfogo alla rabbia, usare parole come pietre, come frecce, per rompere muri, per buttare giù pareti che dividono, per far entrare aria che ci dia respiro. Dire con parole che non offendano, non chiudano, non feriscano, non
distinguano, ma comprendano. Ridare dignità a chi le pronuncia e a chi le ascolta, tentare un salvataggio.

Vasco Mirandola: testi, voce recitante
Davide Truffo: chitarra
Tommaso Meneghello: voce, basso, synth
Filippo De Liberali: synth, programming e visual

Testi:
Una bestia – Alessandro Burbank
Piano per la fine della luce – Gabriele Stera
La rivolta – Volevo violentare una città – Francesco Targhetta
Alzati e cammina – Luigi Nacci
La statale a maggio – Piero Simon Ostan
Il seme della tempesta – Mariangela Gualtieri
Noi dovremmo brulicare – Gianluigi Gherzi
Messaggio dal Quebec – Louise Lecavalier

Vasco Mirandola e Mattatoio5 continuano la collaborazione iniziata con lo spettacolo multimediale Fix Me, uscito nel 2017, che affrontava il tema dell’Alzheimer. Li accomuna il gusto di una ricerca tra immagini, video, danza, musica elettronica e parole, che restituisca delle riflessioni su temi scottanti della contemporaneità.

Info:  carichisospesi@gmail.com

Ingresso unico 8 euro
Ingresso riservato ai soci ARCI

Prenota su eventbrite

Segui su Facebook