Enrico Cosimi | MOOG Subsequent 37cv – Workshop produzione elettronica

Sabato 16 febbraio  Enrico Cosimi – MOOG Subsequent 37cv Masterclass produzione elettronica
Enrico Cosimi è uno dei massimi esperti di sintesi sonora a livello internazionale, musicista, compositore, docente, consulente del MIUR-Ministero dell’Istruzione, beta tester Moog, Kurzweil, Novation, Arturia.Insegna Tecniche di Programmazione e Performance presso l’Università di Roma-Tor Vergata, Facoltà di Ingegneria Elettronica e Sintetizzatori Virtuali presso il Conservatorio S.Cecilia in Roma, Biennio di Composizione Applicata.
Ha pubblicato: “Manuale delle tastiere e del sintetizzatore” (1988-Ed.Anthropos), “Analog & Virtual Analog” (2003-Ed.Il Musichiere), “Manuale di Musica Elettronica” (2009-Ed.Tecniche Nuove), “Sintetizzatori Virtuali” (2017-Ed.Curci), “VCV Rack. Il manuale nascosto” (in corso di pubblicazione, 2017-Ed.Curci). Consulente del MIUR-Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, ha pubblicato articoli sugli Annali della Pubblica Istruzione (Le Monnier) e su Musica tecnologia creatività. Una sfida per gli insegnanti (LIM).La Masterclass è a numero chiuso su prenotazione da effettuarsi all’indirizzo ottoassociazione@libero.it

WORKSHOP Primo approccio alla produzione elettronica con Moog Subsequent 37cv

  • sintesi
  • programmazione timbrica 
  • gestione di arpeggio
  • sequencer
  • incastri ritmici
INFO E COSTI Sabato16 febbraio dalle ore 20.00 alle 23.00 Virgo art & culture box è un circolo affiliato ASI con possibilità di tesseramento in loco. Contributo associativo richiesto: 30 con tessera in corso di validità  40 nuovi iscritti con consumazione omaggio
DOVE SIAMO  Virgo art & culture box si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516 Piovese che collega Padova a Chioggia

Evento in collaborazione con OttoEventi 

Art Shelter #9 | Solchi Sperimentali Fest

Domenica 3 febbraio 2019 Art Shelter #9 | Solchi Sperimentali Fest

La scomparsa della musica  Presentazione del nuovo libro di Antonello Cresti  in uscita per NovaEuropa EdizioniQual è il ruolo della musica nel mondo contemporaneo? Sembra che il medium musicale oggi sia onnipresente, eppure mai come oggi, in tempi di industrializzazione progressiva e privatizzazione completa del settore, la musica ha perso le sue fondamentali funzioni di collante sociale, narrazione di gruppo, epica collettiva.

La musica non sembra più una sostanza viva, non è più sé stessa. Preda delle spinte uniformanti del mercato e delle norme egemoni della società liberale, la musica è scomparsa per quello che era ed è sempre stata. È in questo contesto che urge una sociologia della musica, nuova e indocile, per ragionare radicalmente sul problema musicale che, in fondo, rappresenta la questione antropologica contemporanea.  http://www.novaeuropa.it/prodotto/la-scomparsa-della-musica-musicologia-col-martello 

Solchi Sperimentali Antonello Cresti è un saggista, critico musicale e compositore italiano; dal 2013 firma recensioni librarie e discografiche sullo storico mensile musicale Rockerilla. Collabora inoltre alle pagine culturali de Il manifesto.  In Solchi sperimentali, pubblicato nell’ottobre del 2014, traccia un ampio percorso di ascolti attraverso la musica d’avanguardia dagli anni Sessanta ai giorni nostri, dando spazio ad ambiti musicali assai vari sia per provenienza che per genere.Dalla costola di Solchi Sperimentali viene alla luce, nell’ottobre 2015, Solchi Sperimentali Italia – 50 anni di italiche musiche altre. Nella voluminosa trattazione Cresti documenta la scena italiana di musica sperimentale e di ricerca degli ultimi cinque decenni, recensendo (in alcuni casi per la prima volta) le opere che hanno contribuito a rendere quello italiano un panorama creativo d’eccellenza.

Alla maggior parte delle recensioni Cresti affianca interviste esclusive agli autori -nonché ai discografici – coinvolti nei diversi progetti trattati. Sia l’attitudine divulgativa di Cresti, al contempo rigorosa e pionieristica, che il supporto attivo di alcuni dei protagonisti hanno portato Solchi Sperimentali Italia all’attenzione della critica, nonché ad un largo ed immediato consenso di pubblico.  https://www.facebook.com/solchisperimentali

#Live  AMA  AMA è dal 2012 il progetto elettronico sperimentale di Tommaso Mantelli, polistrumentista, compositore e produttore veneto. Improvvisazione tramite strumenti autocostruiti e non convenzionali alla ricerca di atmosfere estreme dal grind al free-jazz, alternando momenti quasi riflessivi ad episodi al limite del terror-core. Curioso anche l’utilizzo di materiali non convenzionali come sassi, legni e… verdura di stagione! “L’unico modo per me di fare musica elettronica è quello di ricercare gli estremi attraverso l’abuso degli oggetti a mia disposizione, creati da me e non, sfruttandone i difetti e facendo dei loro limiti la cifra sonora del progetto.   Dopo lo sparatissimo XXII CENTURY HITS (2013 Dischi Bervisti/Grindcore Karaoke USA), lo psichedelico AMA-RFISA (2013 Autoproduzione) e la serie sempre in aggiornamento di remix compulsivi REPEAT TTT, ora il nuovo, dilatatissimo e macchinoso album LET THE MACHINESuscito il 05 Novembre 2018 per Electronic Girls, fantastica etichetta di ricerca con sede a Venezia. L’uscita e i live sono accompagnati da una serie di video, uno per ogni traccia, di stampo grafico e ripetitivo, a cura di Alessandro Zanin.

Facebook https://www.facebook.com/amanoises Video https://youtu.be/hI9bIkfKexI Music https://amanoises.bandcamp.com  

#Live ARTCORE MACHINE   ARTCORE MACHINE, conosciuto anche con la contrazione AM, è un duo italiano di genere ElettroIndustrial/Noise composto da Moreno Padoan e Roberto Beltrame. Nel 2010 viene licenziato, dalla XONAR Records & Studios (label di Moreno Padoan), “Polybius”, album in studio coniugato in dieci episodi depositari del clichè marcatamente industrial-esperenziale anticipato nella precedente pubblicazione (De[con] struction EP, xonar 2009).Un repertorio ultra-moderno che ricerca nell’elettronica progressista la norma per rendersi assimilabile senza mai dimostrarsi indeterminato, spento o fine a se stesso. La parabola descritta dagli strumenti usati da AM, delinea un’aggregazione di asciutte procedure da laboratorio, sequenziate freddamente e convogliate in una neo-astrazione stilistica definibile in alcuni tratti come “nujazz/industrial”, innovativo sperimentalismo risultato di una concreta passione per il sound artificiale, rielaborato, filtrato e programmato con lucida arte futuristica.  
#Live FAUST DEGADA
Fausto Crocetta
 fonda nel 1983 i Degada Saf, uno dei primi gruppi di musica elettronica del Veneto. Nel 1984 viene pubblicato l’album “No Inzro” che riscuote molte critiche positive sia dalla stampa specializzata, sia dal pubblico amante della new wave elettronica che, in molti casi, lo considera uno dei lavori italiani più originali dell’epoca. Nel 1985 collabora con Giusto Pio e l’etichettaPolygram,  pubblicando 45 giri ed un remix. Dopo molti anni nel 2008 esce un album dal titolo “Without Religions”, cantato in inglese quasi completamente elettronico (IRMA).   Dal 2010 Il progetto Degada Saf continua da solista come Faust Degada e compone musiche per diversi eventi artistici come ad esempio “Human Rights? Art from world” per la Fondazione Opera Campana dei Caduti di Rovereto, musiche per performance teatrali, esposizioni d’arte internazionali, si classifica secondo al Romaeuropa Festival. Nel 2013 un album da solista intitolato “Lux&Uria” con distribuzione tedesca NOVA MD. Nel Giugno 2013, esce un video per una App della compagnia petrolifera Q8 con soundtrack “Lav Shus” dall’album “Lux&Uria”. A dicembre dello scorso anno ha suonato al Hall , dopo la performance UNIEQAV di Alva Noto.  In arrivo un nuovo album.  
 
#Live PETROLIO
Petrolio
 è nato nel 2015 da un’idea di Enrico Cerrato, musicista già attivo in ambito metal, industrial e jazz / noise / punk. Il primo disco di Petrolio “Di Cosa Si Nasce” viene pubblicato nell’aprile 2017. Coprodotto da DreaminGorilla Records , Dio Drone, Taxi Driver Records , Vollmer Industries , Toten Schwan Records , Screamore , E’ un brutto posto dove vivere, Brigante Records ottiene un inaspettato successo sia in Italia che all’estero. Grazie a questi ottimi responsi, dopo una prima data in Dicembre 2016, Petrolio suona in numerosi eventi live in Italia e all’estero, condividendo il palco con diverse entità musicali come MaiMaiMai , Of the Wand and the Moon, Adamennon , Mombu, Bologna Violenta, Alos, Moaan Exis, Winterkälte, N Ran, Aborym e BadGirl e in Europa, suonando a Vienna, Prague, Augsburg, Tubingen, Zurich, Lugano, Toulouse, Lyon, Marseille, Clermont Ferrand, Landsberg am Lech, Marburg.Nella primavera del 2018 ha partecipato all’ElektroAnschlang Fest, grande festival di musica elettronica in Altenburg (D). Nel gennaio 2018 pubblica per l’etichetta canadese Low Noise Prod. un nuovo ep contenente tre brani creati per la performance di Angela Teodorowsky, artista italiana di teatro contemporaneo. In autunno Petrolio ritornerà con un nuovo album “L+Esistenze”, una grande esperienza nata da importanti collaborazioni con artisti provenienti da generi diversi ; lavorano con Petrolio ai nuovi pezzi Jochen Arbeit (Einstürzende Neubauten , Automat , AADK , Soundscapes), Fabrizio Modonese Palumbo (( r ), Almagest!, Blind Cave Salamander, Coypu, Larsen, XXL), Aidan Baker (Nadja), Sigillum S, MaiMaiMai e N Ran ().
Facebook https://www.facebook.com/petruspetrolio Video https://www.youtube.com/channel/UCBQm-HuSJBBygHGS1LjJeiA Music https://diodrone.bandcamp.com/album/l-esistenze  

INFO Domenica 3 febbraio 2019 ore 18.00 Antonello Cresti – Rete dei Solchi Sperimentali Presentazione del suo nuovo libro “La scomparsa della musica” Novaeuropa edizioni ore 18.30 inizio concerti DOVE SIAMO  Studio 33 giri | Via IX Strada 21, Zona Industriale, 30030 Fossò (VE)   CONTATTI info@mattatoio5band.com Filippo 347.8314279 Davide 349.2218394 instagram.com/mattatoio5band

http://www.33-giri.it  |  info@33-giri.it 041.4165861 – 388.8679536 instagram.com/studio33giri

ART SHELTER | Independent live music, art performance, exhibition | Direzione artistica Mattatoio5 in collaborazione con Studio 33 giri

Art Shelter #8 | Plainn – and we were shadows

Venerdì 21 dicembre 2018 Art Shelter #8 | Plainn – and we were shadows – Tarkovskij: An exhibition of original movie posters

Live PLAINN rock, folk, songwriter
Plainn nasce dal bisogno di Paolo Brusò ( Margareth, Schrödinger’s Cat, Focus on the Breath ) di concentrarsi sulla scrittura di canzoni in solitario. Da sempre stregato dalla magia di ciò che una canzone può riuscire a trasmettere, lo scorso inverno Paolo ha realizzato uno dei suoi sogni: si è chiuso in una stanza lontano dalla città e ne è uscito con delle canzoni, nelle quali ha cercato di infilare tutta la sua sensibilità di autore e – ancor prima – di ascoltatore. Il suo obiettivo è semplice: far stare bene chi lo ascolterà.
Music 
Margareth | It Will Be Alright [videoclip]: https://youtu.be/LlFDln5KxYkFocus On The Breath | Drifters [live, visuals by Marco Maschietto]: https://youtu.be/2Nq182ylnqcSchrödinger’s Cat | (impro trio, post-rock/illbient/electronic)https://youtu.be/fnjI7v6ZN_k
Live …AND WE WERE SHADOWS dark wave
Sonorizzazione del film KOYAANISQATSI; un documentario innovativo di Godfrey Reggio sul rapporto tra la natura e la vita moderna, un collage di vari filmati, spesso accelerati o rallentati, tesi ad ottenere un forte impatto visivo per mostrare l’effetto distruttivo che l’attuale civiltà industriale ha sull’ambiente.and we were shadows duo nato nell’ottobre 2012 formato da Michele (chitarra e tastiere) e Tommaso (basso e voce – già nella band wave/shoegaze the rip).L’idea di partenza è stata quella di creare sonorità dark puntando molto sull’atmosfera, in linea con le sonorità di gruppi di culto, amatissimi dai due quali Lycia e Black tape for a blue girl, aggiungendo melanconiche chitarre dal sound alla Cocteau twins ed un pizzico di elettronica.A seguito della stesura dei primi brani, in primavera del 2013 il duo decide di iniziare ad incidere un primo demo che prima ancora di vedere la luce viene intercettato da Valerio Lovecchio della Swiss Dark Nights il quale propone loro la pubblicazione di un album intero. Vengono quindi aggiunti altri brani e nell’ottobre del 2013, ad un anno esatto dalla nascita del gruppo esce il disco di debutto ‘BEYOND THE LIGHTS”.Le sonorità scure ma pacate del duo sono accompagnate da testi che si muovono su tematiche volutamente ‘negative’ spaziando dalla malinconica voglia di scappare da un mondo che non ci appartiene (Permanent Clouds, Heavier to the Ground,) al disprezzo per la società moderna e il modo in cui le masse sono trattate dai ‘potenti’ (Modern Slavery, CDF, Out of Control).Il 15 aprile 2017 esce il secondo album “THE COLD SPELL”, sempre per l’etichetta Swiss D1rk Nights capitaniata da Valerio Lovecchio. Sonorità meno ambientali ma sempre scure caratterizzano questo secondo disco con l’inserimento di parti ritmiche più presenti. I testi ricalcano le tematiche del primo disco con qualche testo più nostalgico (the things that never come) sconfinando e concludendo in una Lullaby poco rassicurante.Di prossima pubblicazione “Astratto” canzone ispirata ad un racconto di Giulia Massetto, una mini suite di 15 minuti dai toni dark/ambient.

Mostra Tarkovskij: An exhibition of original movie posters

La mostra ripercorre, attraverso i manifesti cinematografici della collezione privata di Doris T Dada, i momenti più significativi della filmografia del regista russo.Tarkovskij indaga l’uomo e la sua spiritualità, l’inconscio e la psiche, l’uomo all’interno della società e degli ambienti in cui vive.Dai primi cortometraggi agli ultimi capolavori girati all’estero, Tarkovskji fu un grande innovatore in campo cinematografico, ma anche un uomo legato a una tradizione artistica e culturale ormai svanita, portavoce del bisogno spirituale proprio dell’uomo, sostenitore di una fede nell’amore per il prossimo in un’epoca basata sul progresso industriale e l’individualismo.L’arte invece si rivolge a tutti nella speranza di produrre un’impressione, di essere, prima di tutto, sentita, di suscitare uno sconvolgimento emotivo e di essere accettata, di soggiogare l’uomo non con qualche inconfutabile argomento razionale, bensì con quell’energia spirituale che l’artista ripone in essa.

 

INFO E COSTI

Venerdì 21 dicembre 2018 ore 20.30 apertura localeore 21.30 inizio concertiIngresso 5 con tessera ASIVirgo art & culture box è un circolo affiliato ASI.La tessera annuale costa 5 e si può fare comodamente in loco. 

DOVE SIAMO Virgo art & culture box si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516 Piovese che collega Padova a ChioggiaCONTATTIinfo@mattatoio5band.cominstagram.com/mattatoio5bandFilippo 347 8314279 Davide 349 2218394Bruno 349 5335742  Andrea 348 2200683

| ART SHELTER | Independent live music, art performance, exhibition |Direzione artistica Mattatoio5 in collaborazione con Virgo art & culture box

Art Shelter #7 – Un rifugio per la creatività

Art Shelter #7 – Un rifugio per la Creatività – Live! // On Tour ALTROQUANDO (TV)
Venerdì 16 novembre 2018

L’urgenza di creare un rifugio che connetta gli artisti e i fruitori dell’arte genera nuove opportunità e promuove la creatività della scena indipendente.

Ringraziamo di cuore gli amici di Three Blackbirds ed in particolare Stefano Petterson per il supporto, Oriano e tutto lo staff dell’Altroquando per la disponibilità ad ospitare un’edizione di Art Shelter alla quale teniamo molto.

DAGGER MOTHDagger Moth è il progetto solitario di SARA ARDIZZONI, trasversale chitarrista (per scelta) e cantante (per caso). Una specie di one-woman-band, con chitarra elettrica, voce ed elettronica, che miscela loop, noise e melodia in bilico fra caos e struttura.

Dopo anni di attività in varie band (Pazi Mine, Pilar Ternera, Sorelle Kraus) ed alcune colonne sonore (per spettacoli teatrali e cortometraggi), dall’estate del 2012 sperimenta il palco da sola. In pochi mesi il set solista si è evoluto in location diversissime: club, houseconcert, giardini, festival, teatri, aprendo anche per Fennesz, Marc Ribot, Shannon Wright, Mike Watt, Peter Hook, Pumajaw, Sam Amidon, East Rodeo, Marlene Kuntz, Hugo Race & Fatalists, Keziah Jones, Perturbazione. Il primo disco omonimo, uscito nell’aprile 2013 su Psicolabel, vede la collaborazione di Giorgio Canali al mixer e di Joe Lally (Fugazi), Alfonso Santimone (collettivo Gallo Rojo) e Luca Bottigliero (One Dimensional Man, Lucertulas). Nell’aprile 2016 esce il nuovo album “Silk Around the Marrow”, registrato e mixato da Franco Naddei, arricchito dai contributi di Marc Ribot e Antonio Gramentieri (Sacri Cuori) ed inserito, nel novembre 2017, nella top-album list della rivista americana GUITAR PLAYER: “60+ Noteworthy Guitar Albums of the past 50 years _history of noteworthy guitar albums, 1967-2017″. Alcune collaborazioni recenti : con Cesare Basile, per il nuovo album e i nuovi live (fra i quali l’esibizione al Primavera Sound Festival 2018 a Barcelona), con i californiani Double Naught Spy Car per il loro ultimo lavoro in studio (che annovera fra gli altri ospiti Mike Watt e Nels Cline ) e con il francese Philippe Petit.

Music https://daggermothmusic.bandcamp.com Web http://saraardizzoni.wix.com/dagger-moth

THE GIANT UNDERTOWThe Giant Undertow è il progetto solista di Lorenzo Mazzilli, veneto della bassa padovana trapiantato a Bologna.  I paesaggi nebbiosi delle sue canzoni nascono da chitarre di fortuna e una voce calda ed intensa. Il risultato è un desert folk profondo, tra l’immobile e l’impetuoso, che strizza l’occhio alla musica d’autore d’oltreoceano (Johnny Cash, Lee Hazlewood, Micah P.Hinson).

The Weak, il suo primo lavoro discografico si compone di otto storie raccontate solo a metà, in cui le aperture strumentali fanno da guida, al pari delle melodie vocali, in un mondo di immagini scure e stralunate. Accompagnato in varie occasioni da una full-band, negli ultimi tempi Lorenzo sta sperimentando con piacere la dimensione più intima e cruda delle esibizioni live: voce e chitarra acustica in ambienti piccoli e raccolti, meglio se al buio.

Lorenzo è anche chitarra-voce del The Johnny Clash Project , e bassista live per il cantautore texano Daniel Payne. In questi tre anni, come The Giant Undertow, ha diviso il palco con artisti come King Dude e Cult of Youth, ha portato la sua musica su e giù per lo stivale con la sua band, oltre che in Svizzera, Francia, Belgio, Olanda e Germania.

Music https://thegiantundertow1.bandcamp.com Web https://thegiantundertow1.bandcamp.com/album/the-weak

LSKA Live A/V ShowLSKA è un progetto di Luca Scapellato: musicista, compositore, tecnico del suono, sound designer, videoartista. Presenterà il suo ultimo lavoro VOID – Dub version of an unrecorded record.

Laureato in Sociologia presso l’Università degli Studi di Padova e diplomato “Tecnico di musica interattiva per le arti digitali” presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo (CN). Partendo dallo studio dell’improvvisazione musicale e unendolo alla passione per l’informatica, nasce il suo interesse per la sperimentazione sonora basata sui sistemi interattivi per la creazione di musica elettronica e di performance audiovisive. Si concentra soprattutto sull’interazione tra musica e immagine, tra computer-strumento e utente e sulle relazioni che nascono durante l’improvvisazione tra musicista e performer. Come musicista si esibisce dal vivo da solo e in varie formazioni (LSKA, Idraulici del Suono) con concerti in Italia e in Europa. Realizza Installazioni interattive e Allestimenti audiovisivi per esposizioni artistiche, festival musicali e performance. Scrive e compone musica per il Teatro, la Danza e il Video, collaborando con realtà affermate della scena italiana: Vicenza Jazz, Centro Sperimentale di Cinematografia, Tam Teatromusica, Compagnia Ariella Vidach – AiEP, e giovani danzAutori e danzAutrici indipendenti come Camilla Monga, Giorgia Nardin, Marco d’Agostin, Jacopo Jenna, Olimpia Fortuni.

Music https://lska.bandcamp.com/album/void Web: https://www.lska.org

PAINT EXHIBITIONLuca Carraro , in mostra opere su tela che raccolgono i suoi ultimi due anni di sperimentazioni. Luca, oltre ad essere da sempre appassionato di arte e musica, lavora da anni come tatuatore nel suo Wild Boys Tattoo

ALTROQUANDO detto “Il Lupo” è una birreria/trattoria che offre cucina tradizionale di carne, cucina vegetariana e vegana; è un’isola musicalmente felice che da circa 20 anni sta facendo la rivoluzione, partendo da quell’angolo di nulla e nebbia che è via Corniani 32 di Zero Branco, organizzando concerti sempre di livello e sostenendo la musica originale. I gestori Miry e Oriano hanno preso alla lettera il motto “per fare la Rivoluzione bisogna ripartire da Zero (Branco)”.Per chi desiderasse cenare, la cucina è aperta fino alle ore 1.00, la paninoteca fino alle 3.00, con primi e secondi piatti per vegetariani, vegani e onnivori!

INFO E COSTI Venerdì 16 novembre 2018 ore 21.00 Ingresso UP TO YOU totalmente a sostegno degli artisti protagonisti della serata ALTROQUANDO Via Corniani, 32 Zero Branco (TV)

CONTATTI info@mattatoio5band.com Filippo 347 8314279        Davide 349 2218394

| ART SHELTER | Independent live music, art performance, exhibition | Direzione artistica Mattatoio5

Art Shelter #6 – Un rifugio per la creatività

Independent live music – art performance – exhibitons

Art Shelter #6 – Un rifugio per la Creatività – Live! // Electronic Night


Venerdì 19 ottobre 2018

PUSH AGAINST NEW FAKES | LIVE A/V Show (Mantova) IDM Elettronica

Progetto elettronico di Michele Panf Mantovani che vede la luce nel 2012. Nello stesso anno pubblica il suo primo lavoro omonimo che comprende 6 brani inediti e il remix di un brano degliAucan. Il brano Numb viene incluso in una compilation edita dall’etichetta genovese Big Ramona mentre il brano Last Days viene selezionato per la compilation dell’australiana “The Freeform Collective”. Nel 2014 esce il secondo lavoro, “Any Color You Can’t See”, pubblicato dalla Phonocake, netlabel tedesca specializzata in musica elettronica e dalla giapponese Particle Control. Nel 2015 PANF collabora con la cantautrice americana Meghan Griffith ri-arrangiando il brano “The Blackest Theme. Il 17 Ottobre 2017 è uscito Be Kind, pubblicato dalla netlabel Falerna, sub-label di Laverna.net, una delle realtà più interessanti nell’ambito della musica elettronica/ambient. 

Link    https://www.pushagainstnewfakes.org Music https://pushagainstnewfakes.bandcamp.com

ATRA-HASIS (Rimini) Extreme ambient

Nasce dall’unione del progetto solista del poli-strumentista Demetrio Cecchitelli, noto con lo pseudonimo halfcastle (Upside Down), ed il chitarrista Davide Bartolomei (Communion). ATRA-HASIS è:Davide Bartolomei (chitarra, effetti)            https://www.facebook.com/DBoffpagehalfcastle (flauto, voce, laptop, cassette, effetti)  https://www.facebook.com/hCstlMusic Atra-Hasis soundcloud  /  halfcastle soundcloud

BLANKK | LIVE A/V Show (Bologna) Glitch elettronicaBlankk è l’esigenza di sondare atmosfere in grado di trasportare l’ascoltatore in un viaggio introspettivo nel noise digitale.Link https://facebook.com/Blankk108
Music BlankK soundcloud

Exhibition / PerformanceANIMAE PROJECT di Ioan Pilat

In mostra una selezione di scatti del progetto e nel corso della serata sarà allestito un set fotografico in cui le persone saranno invitate a partecipare liberamente prestandosi come modello/a, entrando così a far parte del progetto.Il progetto ANIMAE è una riflessione sulla realtà che ci circonda in cui le persone sembrano perdere sempre di più la propria identità: nella vita di tutti i giorni, quella reale e ancor più in quella virtuale, si cerca spesso di apparire diversi da quello che si è. Si mettono addosso delle maschere dietro a cui nascondersi, che ci presentano al mondo nel modo in cui crediamo di piacere di più.Ispirandosi al detto latino “Oculi imago animae sunt”, questo progetto fotografico si presenta come una galleria di ritratti. Ritratti di uomini, donne, bambini.Un solo elemento in comune: la stessa maschera indossata, che nasconde il volto ma non lo sguardo. Sugli occhi l’unico punto di messa a fuoco: perché solo gli occhi svelano – al di là di qualsiasi possibile maschera – chi siamo e cosa sentiamo.Solo gli occhi sembrano fuggire totalmente al nostro controllo rivelando ( e rivelandoci) qualcosa di peculiare che ci fa riconoscere tra 100, 1.000, 100.000 persone anche se il volto è coperto.Quindi la maschera, da mezzo che dovrebbe celare, si trasforma in uno strumento che aiuta a svelare: una volta coperto il “superfluo”, l’essenziale emerge inevitabilmente.http://www.ioanpilat.ithttps://www.facebook.com/progettoanimae 

INFO E COSTI

Venerdì 19 ottobre 2018 ore 20.30 apertura localeore 21.00  inizio concertiIngresso UP TO YOU totalmente a sostegno degli artisti protagonisti della serata. 

Virgo live art and culture box è un circolo affiliato ASI.La tessera annuale costa 5 euro e si può fare comodamente in loco. 

DOVE SIAMO Virgo live art and culture box si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo laSS516 Piovese che collega Padova a Chioggia

CONTATTI
info@mattatoio5band.com
Filippo 347 8314279        Davide 349 2218394Bruno  349 5335742        Andrea 348 2200683| ART SHELTER | Independent live music, art performance, exhibition |Direzione artistica Mattatoio5 in collaborazione con Virgo art & culture box

Fix Me – Sala Europa | Taglio di Po

[ FIX ME Spettacolo multimediale ]

Voce narrante: Vasco Mirandola
Danza: Samuela Barbieri
Fotografie: Frequenze Visive
Musica e background video: Mattatoio5

“Si dice spesso che siamo quello che mangiamo, la musica che ascoltiamo, i libri che leggiamo, i film che vediamo. Forse alla fine ciò che siamo è la somma dei ricordi che vivono dentro di noi, stratificati nella memoria. La vita è un viaggio che si fissa nelle nostre rughe. E le rughe, non dimenticano, mai.” Silvia Pasquetto – Curatrice della mostra fotografica Fix Me

Fix Me nasce della collaborazione tra i Servizi Sociali del Comune di Vigonovo, Rindola Centro Medico Polispecialistico: Neurologia e Psicologia e l’associazione fotografica Frequenze Visive, che si sono posti l’obiettivo di dare voce alle persone affette da demenza, che ogni giorno incontrano nell’ambito del progetto Sollievo In.Te.SE.
In.te.s.e. punta alla costruzione di una Rete Sociale inclusiva per la Demenza e alla promozione di “Dementia Friendly Communities” con l’intento di diffondere consapevolezza sulle problematiche sociali della patologia e rinforzare azioni comunitarie di accoglienza e sostegno il cui cuore sono proprio le persone affette da demenza.

Il materiale raccolto ha dato vita prima ad una mostra e successivamente ad uno spettacolo. Attraverso diari, lettere, esperienze dei fotografi, dei terapisti, e soprattutto delle persone affette da demenza e dei loro familiari, e anche fotografie, suoni, musiche, video, danza, lo spettacolo mette in scena il senso di perdita e lo smarrimento tipici di questa malattia, evocando la capacità innata dell’uomo di sopperire alla perdita con la tenacia dell’allenamento mentale, la passione dei propri cari e il lavoro di gruppo tipici dei percorsi riabilitativi utilizzati in terapia nel progetto Sollievo IN.TE.SE.

Quanta parte di noi risiede nei nostri ricordi?
Cosa succede se il processo che trasforma il nostro vissuto, le nostre esperienze, le nostre azioni in memorie si danneggia e i ricordi svaniscono, permangono solo a tratti, come macchie su un foglio? Lo spettacolo solleva delle domande, accoglie delle riflessioni, evoca e traduce dei mondi che ci riguardano intimamente.

Note sul linguaggio fotografico
La scelta della stampa in camera oscura non è casuale: il suo processo sembra evocare il funzionamento della nostra memoria. La fotografia si sviluppa e successivamente viene fissata grazie ad un procedimento chimico semplice ma allo stesso tempo affascinante. Possibili deviazioni dalla linearità del processo in camera oscura, siano esse errori o imprevisti, possono far sì che alcune parti dell’immagine non fissate si deteriorino fino a diventare una massa confusa e a svanire.

A un livello ancora più profondo e simbolico, il racconto si snoda nella successione tra il pieno e il vuoto d’immagine, tra inquadratura larga e il dettaglio. Simbolicamente tale successione mima l’alternanza tra una memoria che c’è e non c’è, tra un prima – in cui esistono parole e nomi che definiscono persone, oggetti e luoghi – e un dopo – dove ci si perde, all’improvviso, dentro dettagli di cui a volte “scappa” il nome.

INFO
Sabato 13 ottobre 2018
Sala Europa – Via Dante A. 8, Taglio di Po (RO)
INGRESSO GRATUITO

ore 20.30 Saluto delle Autorità
Presentazione della serata e del Centro Sollievo
Marinella Mantovani – Presidente Officine Sociali
Finotti Dr. Luciano – Responsabile Centri Soliievo ULSS5
Dott.ssa Chiara Cosmo – Associazione Impresa Sociale Rindola
ore 20.45 Inizio spettacolo

Evento organizzato da: ULLS5 Polesana, Officine Sociali Associazione di promozione sociale, Progetto Sollievo Regione Veneto
In collaborazione con: Comune di Taglio di Po, Associazione NOI Oratorio San Francesco, Auser volontariato Taglio di Po, Comune di Vigonovo, Frequenze Visive, Mattatoio5

Artwork: Doris T Dada

Art Shelter #5 – Un rifugio per la creatività

Virgo art & culture box e Mattatoio5 presentano Venerdì 21 settembre 2018

ART SHELTER # 5 – UN RIFUGIO PER LA CREATIVITA’ LIVE Indipendent live music, art performance, exhibition

LIVE

AMAURY CAMBUZAT PLAYS ULAN BATOR  Con il suo nuovo spettacolo Amaury Cambuzat propone un set con brani completamente riarrangiati in versione acustica che hanno segnato la storia degli Ulan Bator. La scaletta includerà anche brani dei due ultimi lavori: Abracadabra (2016) e Stereolith (2017) Biografia Il polistrumentista francese Amaury Cambuzat fonda gli ULAN BATOR nel 1993, la sua sarà una produzione infaticabile, che può annoverare ben dieci album sotto il marchio Ulan Bator. Fin dal 1996 collabora con la storica formazione dei tedeschi faUSt; registra due album col side-project Chaos Physique e tre album solisti. Tutta la sua discografia colleziona un ampio consenso trasversale, di pubblico e critica.  Ha collaborato con nomi noti della scena indipendente internazionale come Robin Guthrie (Cocteau Twins), Michael Gira (The Swans), James Johnston (PJ Harvey, Gallon Drunk, Bad Seeds), Nikki Sudden (Swell Maps), e in Italia con Egle Sommacal & Emidio Clementi (Massimo Volume). 

http://acidcobra.wix.com/acidcobra www.ulanbator.biz 

Opening act – ALLEY Alley nasce come progetto solista di Daniele Bogon, musicista e produttore padovano. Daniele da sempre nutre interesse e passione per la musica strumentale, emotiva ed evocativa al contempo, e in questo disco vuole far emergere la sua identità musicale collocandosi nello spazio tra gli elementi ai quali appartiene maggiormente: piano e sintetizzatori.  Le 10 tracce che compongono “17” nascono da suoni e immagini raccolti e catalogati durante viaggi, esperienze ed incontri, processati e mescolati fra di loro, fondendo insieme note classiche di piano e archi con elementi elettronici, con il desiderio di creare una personale colonna sonora perquelle immagini, per quei momenti.  Un soundscape fatto di field recording e lavoro in studio, cheaccompagna l’ascoltatore attraverso diversi luoghi e ambienti o semplicemente diventa colonna sonora del proprio intimo vivere quotidiano. https://www.facebook.com/alleysoundscape https://open.spotify.com/album/6awL42rPTNYUhvwFNVUvDGniafunken.org  http://newmodellabel.com

EXHIBITION Amaury Cambuzat AKA Acid Cobra  Mostra di disegni, cover e opere originali realizzate da Cambuzat. Sarà inoltre disponibile il suo libro a tiratura limitata in 300 copie “Amaury Cambuzat plays Ulan Bator” che contiente, oltre al CD con i brani registrati nel suo tour solista, anche testi e disegni realizzati per questo progetto dall’artista francese.

INFO Evento Facebook Venerdì 21 settembre 2018 ore 20.30 apertura locale, ore 21.00 inizio concerti Ingresso: UP TO YOU !! totalmente a sostegno dei progetti artisti protagonisti della serata. Virgo live art and culture box è un circolo affiliato ASI. E’ possibile poter tesserarsi in loco. Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€ info e prenotazioni 3495335742 – 3482200683 Virgo live art and culture box si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516

Art Shelter su Virgo Radio

VirgoRadio Puntata #4 Mercoledì 5 settembre ore 21.00

Curiosi di conoscere i protagonisti delle prossime serate di Art Shelter ? Collegatevi domani sera a Spreaker per la nostra intervista con Bruno Mantra.

Inoltre, come sempre, solo tanta ottima musica originale indipendente ed emozionante.

Vi si aspetta su Spreaker a questo link virgoradio

Festival delle Arti Giudecca 2018 – FUORI LUOGO

Venerdì 7 settembre ore 21.30 CORTE DEI CORDAMI – Calle Corte Grande, Giudecca Venezia

Il Festival delle Arti Giudecca – Sacca Fisola – FUORI LUOGO è nato dall’esigenza e dalla volontà di esprimere attraverso l’arte la vitalità del territorio. Intende dar voce e visibilità agli artisti, locali e non, professionisti e amatoriali, per stimolare culturalmente le isole di Giudecca e Sacca Fisola, nel rispetto della loro specificità. E’ una manifestazione no-profit e autogestita per promuovere l’arte libera. L’ingresso e la partecipazione a tutti gli eventi sono liberi e gratuiti. Ogni anno il Festival aggiunge un nuovo sottotitolo, affrontando una tematica che diventa un pretesto per confrontarsi, uno spunto per gli artisti e per la veste grafica. Evento Facebook

Mattatoio5 è un progetto che unisce musica elettronica/post-rock a interventi di danza, visual e performance di figuranti. Il collettivo, nato nel 2013 da Davide e Filippo appassionati di musica e arti visive, vede l’ingresso l’anno successivo di Tommaso alla ricerca di nuove sperimentazioni vocali e la collaborazione con la danzatrice Samuela Barbieri. I brani sono raccolti e pubblicati in CHEAP POP del 2015. https://mattatoio5.bandcamp.com/releases

Combinando immagini, effetti visivi e coreografie live a sonorità ossessive, incalzanti, a tratti ipnotiche, puntiamo a coinvolgere vista e udito in un’esperienza proiettata oltre il mero ascoltare. La musica è per noi una colonna sonora, chi la esegue è il coautore di un’esperienza che coinvolge tutti i sensi. Gli artisti che ci hanno ispirato musicalmente sono Portishead, Massive Attack, Archive e Depeche Mode; attratti dai brani non incasellati nella forma classica strofa-ritornello, siamo vicini sul piano degli arrangiamenti ai Blonde Redhead.

CHEAP POP Il primo album contiene sei illustrazioni sonore accomunate dal tema del viaggio; indotto per sfuggire alla realtà o come avventura nello spazio, l’alternativa non percorsa o la ricerca di un’esistenza migliore. Tappa importante nella promozione, sia per affinità a livello musicale sia di impatto Live, è stata l’apertura del concerto dei grimoon, gruppo italo-francese noto per aver sempre abbinato alla musica cortometraggi e stop-motion.

Davide Truffo: chitarra Tommaso Meneghello: voce, basso, synth, testi Filippo De Liberali: synth ,programming e visual Sami Samuela Barbieri: performance, danza Blessing ritual: Pegaso Nero

https://festivaldelleartigiudecca.org info@festivaldelleartigiudecca.org

Art Shelter #4 – Un rifugio per la creatività

Virgo Club e Mattatoio5, con il supporto di MeMagazine, Shyrec e Three Blackbirds presentano:

LIVE SET

SUPERPORTUA

I SUPERPORTUA nascono a Treviso dall’incontro di Michele (voce), Nicola (chitarra), Stefano (batteria), Fabio (basso), Matteo (chitarra) e Sergio (violino). Ad un anno esatto dalla formazione del gruppo, esce Abbastanza Memorabile e, nel 2013, Vecchi Diluvi, due EP che vogliono essere le fondamenta per qualcosa che si concretizzerà nel 2018 con Resterai sempre uno. 
Sono diversi gli ospiti che hanno partecipato alla realizzazione del disco: Daniele Rosa (Chitarre), Sergio Pomante (Sax | ULAN BATOR (official fb),Captain Mantell), Thomas Zane (Kleinkief), Alessandro Brunetta (Sax |Gli Incolti), Nicola Manzan (Violini | BOLOGNA VIOLENTA), Sergio Orso (Violini | HARMONIC PILLOW), Alberto De Lazzari (Synth | Industria Onirica), Lorenzo Dal Pan (Synth | Heathens Band).

www.facebook.com/superportua
 www.instagram.com/superportua 
www.superportua.com

BAD PRITT

Bad Pritt , side project di uno dei componenti dei The White Mega Giant, nasce a fine 2017.
Bad Pritt attinge decisamente dall’arte seriale, punta alla musica cinematica, si basa sugli artefici dell’elettronica raffinata ispirata alle attuali correnti neoclassiche. 
Bad Pritt sul palco è solo, accompagnato da innumerevoli devices e oscure videoproiezioni, una band in una sola persona, che ha l’aspetto di un producer ma che suona come un’orchestra.
Bad Pritt al momento sta lavorando sulla sua prima release che vedrà la luce verso la fine dell’estate, quando gli alberi inizieranno a ingiallire.

www.facebook.com/badprittmusic 
soundcloud.com/badprittmusic
 www.instagram.com/prittbad

PHOTO GALLERY

PAOLA POLETTO
 MY WONDERLAND. IS IT REAL ?

Paola, occhi vivaci, personalità energica e fortemente attiva.
Donna naturalmente curiosa, utilizza l’autoritratto come strumento di conoscenza di sé stessa, rovistando con intensità nei suoi mondi sommersi. Si prende il tempo necessario per chiudersi nel suo mondo e indagare, sperimentare, scoprire e scoprirsi assieme ad una macchina fotografica. Ciò che ne esce è un racconto onirico, autentico e profondo di un’anima curiosa e indagatrice, di una donna matura, che si interroga sui propri spazi interni ed esterni e li riempie di sé stessa con istintiva intensità. C’è stata dal primo momento e fino alla fine del percorso: è una fotografa che ha molto ancora da mostrare e da dire al mondo là fuori.

BIOGRAFIA


Laureata in conservazione dei beni culturali, ha svolto diversi lavori nell’ambito artistico, turistico e non. Appassionata da sempre dai viaggi con lo zaino in spalla e stimolata da una grande curiosità per le culture locali ha capito che doveva ridare “volto” e immagine alle situazioni che la emozionavano. Attraverso la ricerca dei dettagli della realtà attorno a lei ha sviluppato così la passione per la fotografia, diventata sua compagna.

Media partner


MeMagazine https://memagazine.it

Shyrec, etichetta discografica indipendente attiva dal 2004, sarà presente con tutte le ultime uscite
http://www.shyrec.it




INFO

Venerdì 27 aprile 2018
Ore 20.30 apertura locale – Ore 21.00 inizio concerti

Ingresso: UP TO YOU !!

ALL’INGRESSO TROVERETE UNA CASSETTA “OFFERTA LIBERA” il cui contenuto andrà totalmente a sostegno dei progetti artistici protagonisti della serata.



Virgo Club è un circolo affiliato ASI. E’ possibile poter tesserarsi in loco.
Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€ info e prenotazioni 3495335742 – 3482200683
Virgo Club si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516