Festival delle Arti Giudecca 2018 – FUORI LUOGO

Venerdì 7 settembre ore 21.30 CORTE DEI CORDAMI – Calle Corte Grande, Giudecca Venezia

Il Festival delle Arti Giudecca – Sacca Fisola – FUORI LUOGO è nato dall’esigenza e dalla volontà di esprimere attraverso l’arte la vitalità del territorio. Intende dar voce e visibilità agli artisti, locali e non, professionisti e amatoriali, per stimolare culturalmente le isole di Giudecca e Sacca Fisola, nel rispetto della loro specificità. E’ una manifestazione no-profit e autogestita per promuovere l’arte libera. L’ingresso e la partecipazione a tutti gli eventi sono liberi e gratuiti. Ogni anno il Festival aggiunge un nuovo sottotitolo, affrontando una tematica che diventa un pretesto per confrontarsi, uno spunto per gli artisti e per la veste grafica. Evento Facebook

Mattatoio5 è un progetto che unisce musica elettronica/post-rock a interventi di danza, visual e performance di figuranti. Il collettivo, nato nel 2013 da Davide e Filippo appassionati di musica e arti visive, vede l’ingresso l’anno successivo di Tommaso alla ricerca di nuove sperimentazioni vocali e la collaborazione con la danzatrice Samuela Barbieri. I brani sono raccolti e pubblicati in CHEAP POP del 2015. https://mattatoio5.bandcamp.com/releases

Combinando immagini, effetti visivi e coreografie live a sonorità ossessive, incalzanti, a tratti ipnotiche, puntiamo a coinvolgere vista e udito in un’esperienza proiettata oltre il mero ascoltare. La musica è per noi una colonna sonora, chi la esegue è il coautore di un’esperienza che coinvolge tutti i sensi. Gli artisti che ci hanno ispirato musicalmente sono Portishead, Massive Attack, Archive e Depeche Mode; attratti dai brani non incasellati nella forma classica strofa-ritornello, siamo vicini sul piano degli arrangiamenti ai Blonde Redhead.

CHEAP POP Il primo album contiene sei illustrazioni sonore accomunate dal tema del viaggio; indotto per sfuggire alla realtà o come avventura nello spazio, l’alternativa non percorsa o la ricerca di un’esistenza migliore. Tappa importante nella promozione, sia per affinità a livello musicale sia di impatto Live, è stata l’apertura del concerto dei grimoon, gruppo italo-francese noto per aver sempre abbinato alla musica cortometraggi e stop-motion.

Davide Truffo: chitarra Tommaso Meneghello: voce, basso, synth, testi Filippo De Liberali: synth ,programming e visual Sami Samuela Barbieri: performance, danza Blessing ritual: Pegaso Nero

https://festivaldelleartigiudecca.org info@festivaldelleartigiudecca.org

Art Shelter #4 – Un rifugio per la creatività

Virgo Club e Mattatoio5, con il supporto di MeMagazine, Shyrec e Three Blackbirds presentano:

LIVE SET

SUPERPORTUA

I SUPERPORTUA nascono a Treviso dall’incontro di Michele (voce), Nicola (chitarra), Stefano (batteria), Fabio (basso), Matteo (chitarra) e Sergio (violino). Ad un anno esatto dalla formazione del gruppo, esce Abbastanza Memorabile e, nel 2013, Vecchi Diluvi, due EP che vogliono essere le fondamenta per qualcosa che si concretizzerà nel 2018 con Resterai sempre uno. 
Sono diversi gli ospiti che hanno partecipato alla realizzazione del disco: Daniele Rosa (Chitarre), Sergio Pomante (Sax | ULAN BATOR (official fb),Captain Mantell), Thomas Zane (Kleinkief), Alessandro Brunetta (Sax |Gli Incolti), Nicola Manzan (Violini | BOLOGNA VIOLENTA), Sergio Orso (Violini | HARMONIC PILLOW), Alberto De Lazzari (Synth | Industria Onirica), Lorenzo Dal Pan (Synth | Heathens Band).

www.facebook.com/superportua
 www.instagram.com/superportua 
www.superportua.com

BAD PRITT

Bad Pritt , side project di uno dei componenti dei The White Mega Giant, nasce a fine 2017.
Bad Pritt attinge decisamente dall’arte seriale, punta alla musica cinematica, si basa sugli artefici dell’elettronica raffinata ispirata alle attuali correnti neoclassiche. 
Bad Pritt sul palco è solo, accompagnato da innumerevoli devices e oscure videoproiezioni, una band in una sola persona, che ha l’aspetto di un producer ma che suona come un’orchestra.
Bad Pritt al momento sta lavorando sulla sua prima release che vedrà la luce verso la fine dell’estate, quando gli alberi inizieranno a ingiallire.

www.facebook.com/badprittmusic 
soundcloud.com/badprittmusic
 www.instagram.com/prittbad

PHOTO GALLERY

PAOLA POLETTO
 MY WONDERLAND. IS IT REAL ?

Paola, occhi vivaci, personalità energica e fortemente attiva.
Donna naturalmente curiosa, utilizza l’autoritratto come strumento di conoscenza di sé stessa, rovistando con intensità nei suoi mondi sommersi. Si prende il tempo necessario per chiudersi nel suo mondo e indagare, sperimentare, scoprire e scoprirsi assieme ad una macchina fotografica. Ciò che ne esce è un racconto onirico, autentico e profondo di un’anima curiosa e indagatrice, di una donna matura, che si interroga sui propri spazi interni ed esterni e li riempie di sé stessa con istintiva intensità. C’è stata dal primo momento e fino alla fine del percorso: è una fotografa che ha molto ancora da mostrare e da dire al mondo là fuori.

BIOGRAFIA


Laureata in conservazione dei beni culturali, ha svolto diversi lavori nell’ambito artistico, turistico e non. Appassionata da sempre dai viaggi con lo zaino in spalla e stimolata da una grande curiosità per le culture locali ha capito che doveva ridare “volto” e immagine alle situazioni che la emozionavano. Attraverso la ricerca dei dettagli della realtà attorno a lei ha sviluppato così la passione per la fotografia, diventata sua compagna.

Media partner


MeMagazine https://memagazine.it

Shyrec, etichetta discografica indipendente attiva dal 2004, sarà presente con tutte le ultime uscite
http://www.shyrec.it




INFO

Venerdì 27 aprile 2018
Ore 20.30 apertura locale – Ore 21.00 inizio concerti

Ingresso: UP TO YOU !!

ALL’INGRESSO TROVERETE UNA CASSETTA “OFFERTA LIBERA” il cui contenuto andrà totalmente a sostegno dei progetti artistici protagonisti della serata.



Virgo Club è un circolo affiliato ASI. E’ possibile poter tesserarsi in loco.
Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€ info e prenotazioni 3495335742 – 3482200683
Virgo Club si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516

Art Shelter #3 – Un rifugio per la creatività

Independent live music – art performance – exhibitons

Virgo Club e Mattatoio5, con il supporto di MeMagazine, presentano:ART SHELTER # 3 – UN RIFUGIO PER LA CREATIVITA’Indipendent live music, art performance, photogallery

LIVE SET

TEMPLEzONE

Un’elettronica fluttuante e penetrante quella del progetto TEMPLEzONE di Giorgio Ricci che da poco ha pubblicato l’album “NEOSPHERA” un cd prodotto dalla Final Muzik seguito da alcuni remix manipolati da alcuni musicisti elettronici come DelendaNoia, The Frozen Autumn (Official), Blank, Jade Kenaz, Moreno Padoan, Evan Friedel… Le sue ultime produzioni firmate RAN (Decadance Records) e TEMPLEzONE (Laverna.net, XONAR Records & Studios) aprono alla sperimentazione di sonorità ambientali e minimali pur senza perdere di vista l’identità nell’assidua ricerca sul suono. Sperimentale lo è senz’altro NEOSPHERA: un ascolto in un ambiente minimal, immaginandosi una sfera che sfiora l’acqua come sfiora le onde sonore a sfidare le leggi della fisica, quaranta minuti di pura immersione in mondo futuristico. Un album completamente solista che sembra nascere da una colonna sonora di un film mai girato. Un lavoro che rappresenta un percorso evolutivo che si pone come genere tra l’ambient music della scuola di Brian Eno alle soluzioni più dark industrial a descrivere paesaggi cupi e a tratti malinconici. Giorgio Ricci è un nome presente nel panorama della musica elettronica da oltre vent’anni come produttore, compositore, sound designer, ha all’attivo oltre quaranta pubblicazioni ufficiali tra album, singoli, remix, soundtrack con i nomi di Templebeat, Monosonik, Ran. Fondamentali le pubblicazioni iniziali per la Fiorentina Contempo Florence e la berlinese DYNAMICA per la quale pubblica lavori in collaborazioni con grossi nomi della scena Europea come Lassigue Bendthaus, Pankow, Swamp Terrorist. Decine di apparizioni su complilation con Clock Dva, Front 242, Mik Harris, Killing Joke e altri protagonisti della scena elettronica industriale. Nei live Giorgio Ricci collabora con Simone Scar Scarani alle percussioni elettroniche a scandire il tempo di un vero e proprio viaggio a tratti fisico ma molto spesso onirico di suoni e campionamenti tra sofisticate strutture ambient e tappeti di tastiere e drones. Il tutto accompagnato da suggestive videoproiezioni.Scar ha legato il suo nome per moltissimi anni come frontman dei Frutteti Riarsi e poi dei FIRST BLACK POPE collaborando ai remix per Wumpscut, Suicide Commando, Tying Tiffany.http://www.templezone.flazio.com/home

I AM A VAMPIRE

I am a vampire è un progetto darkgaze | postpunk, caratterizzato da una voce morbida, da una chitarra eterea, ma incisiva, e da una drum machine minimale.La band, originaria della provincia padovana, è nata sul finire del 2015 ed è l’incontro artistico tra Alberto Masetto (ex Saffir Garland, Stranger Minds) e Francesca Zoccarato. Il primo è impegnato con chitarre e drum machine, la seconda dà voce alle canzoni.Entrambi sono stati mossi dalla volontà di esplorare sonorità appartenenti alla dark wave, mescolandole al proprio background musicale. Il risultato è una wave ricercata ed essenziale in cui i testi sono intesi come una sorta di autoterapia, un modo per individuare i propri fantasmi e conviverci.Nell’ottobre 2016 il progetto si è confrontato coi primi concerti avendo un buon riscontro da parte del pubblico.Dopo aver registrato il primo EP, “Rooms”, prodotto da Bruno Mantra nell’estate del 2017, il gruppo ha iniziato le registrazioni del suo primo disco, che verrà prodotto da Alberto Nemo, Dimora Records.soundcloud.com/user-679286374 

EXHIBITION

DIFFERENT LOOKS di MASSIMO FONTOLAN

Massimo, animo sensibile e mente raffinata. Produce questa serie di immagini, vivendo un momento di particolare fragilità della sua vita e fotografando con musica scura a palla nelle orecchie. Poco fiducioso nelle proprie capacità di fotografo, ci spiazza da subito regalandoci, invece, una serie di paesaggi emotivi e fortemente personali, che ci porteranno nel giro di breve tempo a renderci conto che i suoi giudizi severi sul proprio operato, non erano assolutamente affidabili. Sebbene, come spesso succede, nel suo progetto, alla fine, sia uscito qualcosa di diverso da ciò che pensava di realizzare all’inizio, sappiamo che queste foto dicono la verità su di lui, perché la mente-mente ma la fotografia-no.Silvia Pasquetto Photography (Catalogo #Frequentazioni 2018 – Frequenze Visive

Biografia:1974. Ecco l’anno di nascita di Massimo. Di formazione tecnico/meccanica. Da sempre lavora come progettista. La passione per la fotografia fa le sue prime avvisaglie attorno all’adolescenza. Scattando le prime foto in analogico con una Zenit. Da sempre appassionato di tecnologia abbraccia il digitale meno di una decade fa. Da allora ricerca sempre il “suo” punto di vista. Anticonformista ed originale, non segue le mode. La musica è una parte fondamentale della sua vita, e ne scandisce i tempi e le emozioni. Se vedete qualcuno con la macchina fotografica e le cuffie è lui.

Media partner: MeMagazine https://memagazine.it/

INFO

Venerdì 23 Marzo 2018 ore 20.30 apertura locale ore 21.00 inizio concertiIngresso: UP TO YOU!!ALL’INGRESSO TROVERETE UNA CASSETTA “OFFERTA LIBERA” il cui contenuto andrà totalmente a sostegno dei progetti artistici protagonisti della serata. Virgo Club è un circolo affiliato ASI. E’ possibile poter tesserarsi in loco.Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€ info e prenotazioni 3495335742 – 3482200683Virgo Club si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516

Art Shelter #2 – Un rifugio per la creatività

Independent live music – art performance – exhibitons

Virgo Club e Mattatoio5, con il supporto di MeMagazine, Shyrec e Three Blackbirds presentano
ART SHELTER # 2 – UN RIFUGIO PER LA CREATIVITA’
Indipendent live music, art performance, photogallery
 
KLEINKIEF
I Kleinkief sono una band art rock italiana, proveniente da Venezia. Iniziano a suonare nel 1995, pubblicano il primo disco Il sesso degli angeli nel 1997, proponendo un noise rock dai testi ispirati, che diventa ancora più viscerale e isterico nel secondo lavoro Colori Dolciumi Fotocopie del 1999.Nel 2002 con D’amortelocanto riescono ad assicurarsi la loro fetta di notorietà nel panorama indie italiano: il terzo album è un disco di pop surreale dai toni onirici e decadenti, accolto favorevolmente dal pubblico e dalla critica.Dopo un periodo di pausa di quasi dieci anni, la band firma con il proprio nome Gli Infranti, un’opera di canzoni fresche in linea con i canoni pop rock all’epoca in voga. Nella primavera del 2016 pubblicano il quinto disco Fukushima, grazie alla sinergia tra Dischi Soviet Studio e Shyrec.Fukushima non è il solito disco dal blando linguaggio oscuro e surreale, molto in voga in questitempi di piena decadenza: Fukushima è esperienza frutto della comprensione, è la praticadell’analisi del sogno come unico esercizio atto a migliorare il rapporto con il proprio l’inconscio,gesto che può solo rendere più consapevole il mondo tangibile.Thomas Zane: voce, chitarra, loop, micromoog, crumar organizer, sonagliSamuele Giuponi: batteria, campanelli, sonagliNicolo’ De Giosa: chitarra, crumar organizerClaudio Favretto: rhodes,farfisaFabio Barlese: chitarraErik Ursich: basso, solina, mellotron m400, clavinet d6, minimoog, synthacon, sh 5, synthi aks, damaru, nga, rolmo, tyngsha, chitarraElena Vianello: sussurri in “Grattacieli” e “Il regno”
 
VACUUM BOX
Vacuum BOX sono frutto della metamorfosi dei Devotion 9, progetto creato da Thomas Fabbian (chitarra), Davide Pavan (voce), Gianluca Moccia (basso) e Daniele Longhin (batteria) ,che trae ispirazione da una comune passione per la Wave ed il Post Punk.Il primo EP omonimo, del 2015, raccoglie giudizi positivi sia in Italia che all’estero.Nel 2016 la lineup vede l’arrivo di Luca Sartori, che oltre a subentrare nel gruppo come batterista, contribuisce a dare nuova linfa vitale al progetto .L’uso di batterie elettroniche , synth, suoni elettronici e un approccio della banddiverso ancora piu carico di intensita’ e emotivita’, fa virare il progetto versosonorità più tendenti allo stoner e al rock elettronico e il nome muta in VACUUM BOX
 
EXHIBITION
ONE-SHOT STORIES di Michele Vanuzzo
Ogni volta che scatto una foto, con quel “click” aziono una piccola macchina del tempo. Cammino, esploro, mi faccio guidare dall’istinto in attesa di trovarmi nel posto giusto al momento giusto.A volte è il primo a essere importante; altre volte lo è il secondo.In qualche occasione speciale lo sono entrambi, almeno secondo le emozioni che improvvisamente mi arrivano.Se ho fortuna, riesco fermare quel particolare istante in una immagine.Se ho molta fortuna, l’immagine racchiuderà un po’ delle emozioni provate in quell’istante per poi riviverle guardandola.Se ho tantissima fortuna, altre persone nel guardare quell’immagine proveranno delle emozioni, non necessariamente le mie, ognuno le proprie. Per questo amo la fotografia.
www.mvphotos.tumblr.com
www.flickr.com/photos/38464813@N03
 
Media Partner
MeMAGAZINE – Art Shelter su MeMAGAZINE
Evento Facebook
 
Shyrec, etichetta discografica indipendente attiva dal 2004, sarà presente con tutte le ultime uscite.
Three Black Birds 
 
INFO
Venerdì 2 Marzo 2018
ore 20.30 apertura locale
ore 21.00 inizio concerti
Ingresso: UP TO YOU – il ricavato andrà totalmente a sostegno dei progetti artistici protagonisti della serata.
Virgo Club è un circolo affiliato ASI. E’ possibile poter tesserarsi in loco. Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€
Info e prenotazioni 3495335742 – 3482200683
Virgo Club si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516

FIX ME – Cinema Teatro Don Bosco Chioggia

“Si dice spesso che siamo quello che mangiamo, la musica che ascoltiamo, i libri che leggiamo, i film che vediamo. Ma forse alla fine ciò che siamo è la somma dei ricordi che vivono dentro di noi, stratificati nella memoria.
La vita è un viaggio che si fissa nelle nostre rughe.
E le rughe, non dimenticano, mai”
Silvia Pasquetto

FIX ME nasce dal prezioso lavoro di indagine fotografica sui malati di Alzheimer dell’associazione FREQUENZE VISIVE; cosa succede se il processo che trasforma il nostro vissuto, le nostre esperienze, le nostre azioni in memorie, si danneggia e i ricordi restano solo a tratti, come macchie su un foglio?

La voce narrante di Vasco Mirandola, la performance di danza contemporanea di Samuela Barbieri e le musiche dei Mattatoio5, metteranno in scena la sofferenza, il senso di perdita e lo smarrimento tipici di questa malattia, evocando la capacità innata dell’uomo di sopperire alla perdita con la tenacia dell’allenamento mentale, la passione dei propri cari e il lavoro di gruppo tipici dei percorsi riabilitativi utilizzati in terapia.

Vasco Mirandola, attore padovano, è poeta, creativo, giocoliere di parole e note; una carriera lunga quarant’anni tra teatro, televisione, cinema e un premio Oscar nel’92 con Mediterraneo di Salvatores.

Samuela Barbieri, performer e danzatrice, lavora e studia tra Italia e Francia. Tra i progetti artistici, oltre alla collaborazione nei live dei Mattatoio5, ricordiamo TransFiguraziomi, Campi Visivi, Haiku silent room, In silenziosa assenza.

Mattatoio5, gruppo di musica elettronica/post-rock composto da Tommaso Meneghello, Davide Truffo e Filippo De Liberali, sono produttori di musica e installazioni visive surreali e travolgenti.

Voce narrante: Vasco Mirandola
Performance: Sami Samuela Barbieri
Musica e background video: Mattatoio5
Fotografie: Frequenze Visive
Artwork Locandina: Doris T Dada
www.mattatoio5band.com

Alle 20:30 Tavola Rotonda “Essere, cambiare e riappropriarsi di sè”, interverranno:
A.Ferro (Sindaco del Comune di Chioggia)
S.Michieli (Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Vigonovo)
Dr.R.Ranzato (Direttore del Distretto di Chioggia dell’Az.ULSS 3 Serenissima)
Dr.ssa Alessandra Zapparoli (Assistente Sociale del Comune di Vigonovo)
Dr.ssa Arianna Ferrari (Presidente Impresa Sociale Rindola)
Dr.ssa Rita Rossi (Associazione Frequenze Visive)
Mediatori: Dott.ssa F.Penzo – Psicologa Psicoterapeuta Centro Sollievo Chioggia, Dott.P.Penzo – Vicedirettore CSA FF Casson

Fix Me – Mostra fotografica
Durante la serata sarà allestita una mostra con una selezione delle fotografie con le quali i soci di Frequenze Visive hanno documentato momenti, volti e attività del Progetto Sollievo IN.TE.SE.
Gli incontri, promossi dal Comune di Vigonovo in collaborazione con Rindola Centro Medico Polispecialistico: Neurologia e Psicologiala di Vicenza, hanno lo scopo di “allenare” la memoria di una ventina di uomini e donne con il morbo di Alzheimer. La scelta della stampa in camera oscura non è casuale: il suo processo sembra evocare il funzionamento della nostra memoria.
La fotografia si sviluppa e successivamente viene fissata grazie ad un procedimento chimico semplice ma allo stesso tempo affascinante. Possibili deviazioni dalla linearità del processo in camera oscura, siano esse errori o imprevisti, possono far si che alcune parti dell’immagine non fissate si deteriorino fino a diventare una massa confusa e a svanire.

Fotografie: Cinzia Clemente, Davide Truffo, Doris T Dada, Filippo De Liberali, Rita Rossii.
Catalogo: Frequenze Visive
Curatrice: Silvia Pasquetto Photography
Foto Copertina: Cinzia Clemente

INGRESSO LIBERO

Venerdì 16 Febbraio 2018 ore 20.30
Cinema Teatro Don Bosco
Calle Don Bosco 361, Chioggia (VE)

Al termine dello spettacolo ci sarà un buffet a cura della Brigata Gustabili

L’evento è presentato dal Centro Sollievo Titoli Minori, ULSS 3 Serenissima, Comune di Chioggia, Comune di Vigonovo, Impresa Sociale Rindola, Associazione Frequenze Visive, con la collaborazione di Centro Servizi Anziani di Chioggia Felice Federico Casson, Oratorio Salesiano di Chioggia, Caffè Incontro, Associazione Alzheimer Venezia

ART SHELTER #1 – Un rifugio per la creatività

Independent live music – art performance – exhibitons

LIVE
E’ una band nata nel 2004 da quattro genitori dello stesso sesso: Francesco (chitarra, voce), Angelo(chitarra), Giuseppe (batteria) e Matteo (basso, synth, drum machine). Nella sua cameretta ha i poster, ereditati dagli zii, di gruppi shoegaze dei primi anni novanta come My Bloodie Valentine, Ride e Slowdive dai quali ha imparato a essere languida e sognatrice. La psichedelia l’ha conosciuta ascoltando Spaceman3 e Earth. Quando vuole affascinarti parla il linguaggio di Explosion In The Sky e Mogwai, quando si veste a festa aggiunge accessori elettronici stile Hood o Piano Magic. Nel 2006, grazie alla collaborazione con In The Bottle Records (Flap), esce il primo EP omonimo, prodotto nel proprio campo base: un piccolo studio di registrazione, il Brown Season. Con l’uscita del disco i concerti crescono regalando a RTB nuove suggestioni da tirar giù. Da cosa nasce cosa: dal tour nascono altre canzoni. In studio, durante la stesura dei brani, incontrano Alessandro (voce e chitarra), che entra a far parte del gruppo nel 2009.A un anno di distanza, l’8 ottobre 2010, esce l’album Daily Birthday (In The Bottle/Audioglobe), che riscuote molti e positivi riscontri.Nel 2017 hanno pubblicato l’ultimo album:Maybe Tuesday (In The Bottle/Audioglobe), come sempre all’insegna del Do It Yourself e frutto di cambi di posizione vorticose… facebook.com/replacethebattery/
 
I Mattatoio5 sono un gruppo di musica elettronica/post rock di Padova. Il progetto nasce da Davide e Filippo che, appassionati di musica e di arti visive, a inizio 2013 decidono di creare i Mattatoio5 con l’intento di produrre musica e installazioni visive.L’anno successivo Tommaso si unisce al gruppo alla ricerca di nuove sperimentazioni vocali. I brani verranno raccolti e pubblicati nel 2015 in CHEAP POP, primo album del gruppo. I Mattatoio5 sono: Tommaso Meneghello (voce, basso), Davide Truffo (chitarra), Filippo De Liberali (synth ,programming e visual).Il nome del gruppo si ispira all’omonimo libro di Kurt Vonnegut; come Billy Pilgrim, il protagonista del romanzo viaggia con la mente per dimenticare la realtà fino a non riuscire a distinguerla dalle illusioni, noi viaggiamo con la fantasia ricreando ambientazioni sonore e visive… Mattatoio5 come rifugio dalla realtà quotidiana. Dal 2016 l’incontro con la danzatrice Samuela Barbieri, arricchisce ulteriormente l’impatto live del gruppo creando performance dedicate. facebook.com/mattatoio5band
 
EXHIBITION
Durante la serata sarà allestita la mostra fotografica LIFE, un progetto di Nicola Paccagnella.Le immagini sono state scattate a Saint-Nazaire (Francia). Si tratta di un immenso bunker, costruito nel 1940 dall’esercito tedesco che fungeva da base dei sottomarini e che, da luogo di guerra, morte e odio è diventata luogo di cultura, di divertimento e di svago aperto alla città e ai visitatori.
L’autore presenterà i suoi scatti dalle 20.30 e vi aspetta per raccontarvi le sue fotografie e condividere un aperitivo. www.nicola.photos
 
Media partner: MeMAGAZINE 
 
INFO
Venerdì 26 Gennaio 2018 ore 20.30 apertura locale ore 21.00 inizio concertiIngresso a offerta libera a sostegno della musica indipendente e dell’arte! INGRESSO UP TO YOU totalmente a sostegno dei progetti artistici protagonisti della serata.
Virgo Club è un circolo affiliato ASI. E’ possibile poter tesserarsi in loco.Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€ con consumazione inclusa (birra piccola o analcolico) info e prenotazioni 3495335742 – 3482200683 Virgo Club si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516.
 
Art Shelter su Mattino di Padova del 25 gennaio 2018

FIX ME – Biblioteca Civica Bertoliana Vicenza

FIX ME chiuderà la rassegna “Quando la mente…” il cui filo conduttore è la persona con la sua identità; elementi su cui si articola la mostra fotografica di Frequenze Visive sui volti e le esperienze del Progetto Sollievo INTESE.

“Quando la mente…” si inserisce all’interno del più ampio carnet di eventi “Le stagioni dell’Alzheimer 2017: continuiamo a prenderci cura” promossa dal Polo Assistenziale Alzheimer – ULSS 8 Berica, Comune di Vicenza e IPAB di Vicenza.

FIX ME è uno spettacolo multimediale dove le immagini vengono impiegate, tradotte, teatralizzate e messe in scena unitamente al ballo e alla musica che, intrecciandosi, danno vita a una performance artistica emozionante.
Un racconto profondo e multistratificato, un po’ come lo è la memoria.
Si dice spesso che siamo quello che mangiamo, la musica che ascoltiamo, i libri che leggiamo, i film che vediamo. Forse alla fine ciò che siamo è, soprattutto, la somma dei ricordi che vivono dentro di noi, stratificati nella memoria.

La voce profonda di Vasco Mirandola, attore di teatro, ma anche di televisione e cinema con all’attivo un premio Oscar (nel’92 per Mediterraneo di Salvatores), poeta, creativo, giocoliere di parole e note, costruttore di sogni, si intreccia con le coreografie della danzatrice Samuela Barbieri.
Ad accompagnare gli artisti la musica dei Mattatoio5. Tra i gruppi sperimentali attivi del territorio, non solo dal punto di vista musicale, combinano sonorità anticonvenzionali a immagini, effetti visivi e coreografie live per coinvolgere udito e vista in un’esperienza proiettata oltre il mero ascoltare.

PERFORMANCE
Domenica 19 novembre ore 16.00
Salone dalla Pozza al 2° piano di Palazzo Cordellina – Biblioteca Civica Bertoliana.

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti e accessibile su prenotazione inviando una mail a rindola@centrorindola.it, info@fondazionevignato.it oppure telefonando al numero: 0444.023924

Voce narrante: Vasco Mirandola
Performance: Samuela Barbieri
Musica e background video: Mattatoio5
Fotografie: Frequenze Visive
Artwork Locandina: Doris T Dada
www.mattatoio5band.com

La rassegna è promossa da: Centro Medico Rindola in collaborazione con Anap Confartigianato Vicenza (Associazione dei Pensionati), Fondazione Vignato per l’Arte, e Associazione Frequenze Visive, con la collaborazione di Sgaialand Magazine, come Media partner, e Auser – Associazione per l’Invecchiamento Attivo.

Officina dei sogni – opening act for Grimoon

I Grimoon in versione “Combo De Luxe” presentano lo spettacolo “Vers La Lune”, un insolito viaggio intergalattico musicale e visivo tra rock, elettronica e psichedelia.

Vers la Lune racconta la storia di tre personaggi e le loro avventure nello spazio. Il film che viene musicato dal vivo è interamente in animazione, girato principalmente in stop-motion.Un lavoro ricco di suggestione e creatività accompagnato dai suoni ruvidi di due sintetizzatore Moog, da una batteria elettronica vintage e da sferragliate di chitarra acustica.

I Grimoon sono una band italo-francese attiva da 12 anni. Hanno pubblicato cinque dischi e tre film, oltre ad aver realizzato oltre 50 cortometraggi per accompagnare le proprie canzoni.
In questi anni hanno suonato tra Europa e Stati Uniti, moltiplicando le collaborazioni con artisti italiani e stranieri (The Black Heart Procession, Manuok, Giovanni Ferrario, Tre Allegri Ragazzi Morti, ect).

Più che una band, i Grimoon (capitanati da Alberto e Solenn) sono un progetto di contaminazione artistica, molto insolito nel panorama musicale italiano ed europeo. Le loro sperimentazioni visive hanno portato anche alla creazione di uno studio di animazione “FrameByFrame” che realizza corti in stopmotion, alcuni dei quali selezionati in importanti festival internazionali.

INGRESSO LIBERO

Presentazione progetto:
Gli italo-francesi Grimoon nascono alla fine del 2003 come progetto musicale e video. Compongono canzoni che danno vita a cortometraggi da loro realizzati. Dal vivo, ogni canzone è accompagnata da piccole storie visive creando così una sorta di concerto-cinema.

L’ultima uscita discografica è “Vers la lune” – anno 2015 per Macaco Records: www.rockit.it/grimoon/album/vers-la-lune/27906
Per festeggiare i dieci anni della band, i Grimoon sono tornati nel 2015 con il disco/film “Vers la Lune”, tre anni dopo “Le déserteur” e centinaia di concerti in tut in tutta Europa.
Ambizioso progetto di cinema e musica, “Vers la Lune” racconta una fantascientifica odissea nello spazio, interpretata da quattro personaggi bizzarri che accompagnano i Grimoon in questo lungo “viaggio”.
“Vers la Lune” racchiude immagini e musica, per una simbiosi totale raggiunta dopo anni di esperienza.

IL FILM “VERS LA LUNE”
Il film è un progetto di cinema di animazione in cui si alternano numerose tecniche di animazione (quasi tutte) per un totale di circa 50.000 fotogrammi. Risultato di un anno di intenso lavoro, questo film dei Grimoon sfida i confini della fantasia e li porta oltre la galassia, esplorando nuovi territori visivi.
I brani che compongono il nuovo album mescolano il folk rock di matrice anglo americana con una particolare impronta psichedelica seventies che rimanda a influenze di band quali Pink Floyd periodo “More” e i Flaming Lips più oscuri dell’ultimo “The Terror”.
Ma si fanno sentire anche forti echi di elettronica registrata con la folta strumentazione analogica che i Grimoon hanno raccolto negli anni (principalmente Moog e Mellotron) e di orchestrazioni sgangherate realizzate in collaborazione con il loro amico storico Enrico Gabrielli (Mariposa, Calibro 35 e molti altri).
Gli altri immancabili ospiti della scena internazionale sono Pall Jenkins, storico cantante e leader dei mai dimenticati The Black Heart Procession (alla voce sul primo brano “Flying away from you” e alla sega musicale su “Goodybe”) e Scott Mercado, poliedrico strumentista statunitense, leader dei Manuok e occasionale collaboratore di Pall Jenkins and company (alla batteria su tutte le tracce del disco).
www.grimoon.com

In apertura Mattatoio5, gruppo di musica elettronica/post rock. Il progetto, che nasce nel 2013 con l’obiettivo di produrre musica e installazioni visive creando un’atmosfera surreale e travolgente, si unirà alla performance di danza contemporanea di Samuela Barbieri.
www.mattatoio5band.com

FIX ME – Auditorium Madre Teresa di Calcutta

Si dice spesso che siamo quello che mangiamo, la musica che ascoltiamo, i libri che leggiamo, i film che vediamo. Ma forse alla fine ciò che siamo è la somma dei ricordi che vivono dentro di noi, stratificati nella memoria.
La vita è un viaggio che si fissa nelle nostre rughe.
E le rughe, non dimenticano, mai.

FIX ME nasce dal prezioso lavoro di indagine fotografica sui malati di alzheimer dell’associazione FREQUENZE VISIVE; cosa succede se il processo che trasforma il nostro vissuto, le nostre esperienze, le nostre azioni in memorie, si danneggia e i ricordi restano solo a tratti, come macchie su un foglio ?

La voce narrante di Vasco Mirandola, la performance di danza contemporanea di Samuela Barbieri e le musiche dei Mattatoio5, metteranno in scena la sofferenza, il senso di perdita e lo smarrimento tipici di questa malattia, evocando la capacità innata dell’uomo di sopperire alla perdita con la tenacia dell’allenamento mentale, la passione dei propri cari e il lavoro di gruppo tipici dei percorsi riabilitativi utilizzati in terapia.

Vasco Mirandola, attore padovano, è poeta, creativo, giocoliere di parole e note; una carriera lunga quarant’anni tra teatro, televisione, cinema e un premio Oscar nel’92 per Mediterraneo di Salvatores.

Samuela Barbieri, performer e danzatrice, lavora e studia tra Italia e Francia. Tra i progetti artistici, oltre alla collaborazione nei live dei Mattatoio5, ricordiamo TransFiguraziomi, Campi Visivi, Haiku silent room, In silenziosa assenza.

Mattatoio5, gruppo di musica elettronica/post-rock composto da Tommaso Meneghello, Davide Truffo e Filippo De Liberali, sono produttori di musica e installazioni visive surreali e travolgenti.

Voce narrante: Vasco Mirandola
Performance: Samuela Barbieri
Musica e background video: Mattatoio5
Fotografie: Frequenze Visive
Artwork Locandina: Doris T Dada
www.mattatoio5band.com

INGRESSO LIBERO

Fix Me – Mostra fotografica
Durante la serata sarà allestita la mostra fotografica nei luoghi che hanno fatto da scenografia al progetto e che normalmente ospitano i laboratori per i pazienti malati di Alzheimer.

Fix Me è un lavoro di ricerca attraverso le immagini che si è posto l’obiettivo di documentare momenti, volti e attività del Progetto Sollievo IN.TE.SE.

Gli incontri, promossi dal Comune di Vigonovo in collaborazione con il Centro Medico Rindola di Vicenza, hanno lo scopo di “allenare” la memoria di una ventina di uomini e donne con il morbo di Alzheimer. La scelta della stampa in camera oscura non è casuale: il suo processo sembra evocare il funzionamento della nostra memoria.
La fotografia si sviluppa e successivamente viene fissata grazie ad un procedimento chimico semplice ma allo stesso tempo affascinante. Possibili deviazioni dalla linearità del processo in camera oscura, siano esse errori o imprevisti, possono far si che alcune parti dell’immagine non fissate si deteriorino fino a diventare una massa confusa e a svanire.

Fotografie: Cinzia Clemente, Davide Truffo, Filippo De Liberali, Rita Rossi.
Catalogo: Frequenze Visive
Curatrice: Silvia Pasquetto
Foto Copertina: Cinzia Clemente

INGRESSO LIBERO

Sabato 9 settembre 2017 ore 20.30
Centro ARGENTO VIVO
Via Montale 1, Vigonovo (VE)

L’evento è organizzato grazie all’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Vigonovo, in collaborazione con ULSS 3 Serenissima, l’associazione Frequenze Visive (www.frequenze-visive.it), l’Impresa Sociale Rindola (www.centrorindola.it) e l’associazione Mani in terra (www.maniinterra.org).

Rock at the Castle

Una nuova occasione per seguirci dal vivo e partecipare al Rockids 2017 – Rock at the Castle, evento di solidarietà al Castello di Peraga (PD)

Una inedita performance di esplosioni soniche e danza, che unirà musica e installazioni visive un atmosfera surreale e ossessiva.

Sabato 17 giugno 2017 LIVE

LINE UP
18.30 Martæ
19.30 Mattatoio5
Live performance: Sami Samuela Barbieri
Blessing Ritual: Pegaso nero
21.30 Elisa Erin Bonomo
E molti altri…Francesco Ceoldo – Lonely Project, Comida, Kakao Djembe Team, Vibe Hypnosis, Showgun, Alberto Ziliotto,
Renato Mastroianni.

INGRESSO GRATUITO
#rockatthecastel#rockkids2017#musicavera

Il ricavato della manifestazione sarà interamente devoluto ad Associazione Puzzle Onlus per il progetto “Un educatore in chirurgia pediatrica”.
http://www.associazionepuzzle.it/un-educatore-in-chirurgia-pediatrica-due-anni-di-solidarieta-e-non-solo/

Il Mattino di Padova 10/06/2017 – Maratona di note al Castello da Peraga