Art Shelter #11 | Musica da cucina - Aprés coup di Paolo Pozzobon

Mattatoio5 e Ca' Sana sono lieti di invitarvi ad Art Shelter #11 | Un rifugio per la creatività

#LIVE

Musica da cucina trasforma l'ambiente della cucina in magia e suono. Un concerto dove gli utensili diventano strumenti per costruire canzoni delicate, immersi in un flusso sonoro di armonie di chitarra, clarinetto e voci. Una performance che vive di piccoli dettagli e che parla di montagna e di terra, di madri e di figlie, di quotidianità e di incanto.Fabio Bonelli è l'artefice di questa trasformazione, un'alchimia musicale che evoca ricordi e immagini e che crea un dialogo intimo e diretto con il pubblico attraverso suoni e brevi racconti.Scolapasta amplificati, imbuti flauto, mestoli immersi in loop station, sbattiuova trasformati in tecno kick sono solo alcuni degli strumenti con cui viene creata questa empatia tra il musicista e l'ascoltatore.Nato come esperimento casalingo, il progetto è via via cresciuto toccando con I suoi concerti 20 nazioni diverse e pubblicando due album, usciti rispettivamente nel 2007 (City Living) e nel 2012 (Long Song Records).Ha suonato in case, ristoranti, mense, orti pubblici alternandoli a performance in location prestigiose come teatri, gallerie d’arte, rassegne e festival tra cui MONA FOMA 2011 (Hobart, Tasmania), Frison (Freiburg, Svizzera), Linz 09 (Linz, Austria), MilanoFilmFestival (Milano), Città dell’arte/Fondazione Pistoletto (Biella), Teatro Eliseo (Roma), Silencio (Parigi, Francia), MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo (Roma).

Mostra fotografica: Aprés coup - Trittico di Paolo Pozzobon

Cos’è importante? E cos’è la quotidianità?La sveglia presto al mattino, la colazione in fretta, la lavatrice, la corsa verso il lavoro, un libro da leggere. I pasti si plasmano in base al livello di solitudine che si prova. Nella famiglia c’è spazio per l’arrosto e il minestrone, per il solitario, invece, vanno bene una scatoletta di tonno oppure un uovo sodo, magari accompagnati da un bicchiere, per dimenticare. Piccoli gesti che fanno parte della nostra giornata, insignificanti, magari noiosi e routinari, ma che compongono quella che chiamiamo vita e che pensiamo di poter continuare a perpetuare all’infinito, come un diritto.Invece la vita muta in un secondo. Un incidente stradale, una notizia inaspettata, un malore improvviso…e tutto cambia. Anche per le malattie a lungo decorso c’è stato il secondo in cui lo hai scoperto o te lo hanno detto. Di colpo tutto quello che per te era normale e ovvio, non lo è più. L’attimo prima eri preoccupato per una questione importante, eri immerso nella frenesia della quotidianità, mentre poi diventa una bella giornata se riesci ad alzarti dal letto dell’ospedale per andare in bagno da solo. Come cambiano le cose importanti, e come cambia la tua quotidianità…Après-coup è un’espressione freudiana, traducibile con “dopo il fatto” o “ posteriormente”, che esprime il meccanismo della mente umana che metabolizza e rielabora in senso traumatico un evento dopo il suo accadimento. Freud ne dà delle diverse accezioni, ma noi prendiamo in prestito questa frase per il suo essere esplicativa di uno stato d’animo diverso, quello di rendersi conto delle cose importanti solo quando è troppo tardi.Nella serie si vedono dei dittici che mettono insieme un momento della quotidianità “precedente” con uno della quotidianità “attuale” di un malato. Il trittico viene a comporsi nella mente dello spettatore che, solo dopo aver visto le due immagini - après-coup appunto - torna indietro alla prima di esse, guardandola con occhi diversi.Après-coup-Trittico si propone quasi come monito a chi lo guarda, gridando di essere felici e grati per la vita, apprezzandola quando è il momento.

INFO

Mercoledì 24 aprile 2019

ore 20.30 Mostra fotografica "Aprés coup-Trittico" di Paolo Pozzobonore

21.00 Musica da cucina

Ingresso libero

Paolo Pozzobon nato a Treviso “qualche” anno fa e amo la fotografia da sempre, una passione che probabilmente mi ha trasmesso mio nonno che faceva delle splendide foto stereoscopiche di montagna e colorava a mano.Ho cominciato a fotografare con una Bencini Comet S, dove la messa a fuoco si regolava in base alla distanza stimata del soggetto e sono finito all’autofocus della Nikon D 700 e della Sony α7 .Un salto nel tempo e nella tecnica che vorrei fare anche nella qualità delle mie foto.Mi piace fotografare soprattutto l’architettura, le sue linee, forme e colori, ma non tralascio gli altri generi e quindi ogni occasione è buona per curiosare con l’obiettivo che da qualche tempo è divenuto il mio terzo occhio.L’incontro con Franco Fontana mi ha aperto nuovi orizzonti, costringendomi a ricercare ciò che sfugge all’occhio frettoloso del passante e che io cerco di riportare alla sua attenzione.

CONTATTI

info@mattatoio5band.com

Filippo 347.8314279 Davide 349.2218394

instagram.com/mattatoio5band

DOVE SIAMO

Ca'Sana - Cibo Arte CulturaVia SS. Fabiano e Sebastiano, 13, 35143 Padova,

casana.bio@gmail.com

Telefono 049 623874

www.casanapadova.org

 

| ART SHELTER | Independent live music, art performance, exhibition |Direzione artistica Mattatoio5 in collaborazione con Ca'Sana - Cibo Arte Cultura


Officina dei Sogni | Art Shelter Sunday

Frequenze Visive e Mattatoio5 sono lieti di invitarvi a Officina dei Sogni | Art Shelter Sunday

In mostra memorabilia e poster cinematografici originali dalla collezione privata di Doris T Dada (instagram.com/doristdada), introduzione a cura di Diego Dimattia e live due progetti che uniscono musica, video e poetica dalla preziosa cifra stilistica: I Love MY Dentist , approcio minimalista tra campionamenti e suoni ambientali e Mario Lino Stancati col suo nuovo progetto PLENUS, nato dalla collaborazione con l’artista visivo Walter Fini

Domenica 14 aprile 2019 ore 17.30 Sala Polivalente Vigonovo (Ve) – Via Veneto 2INGRESSO LIBERO

PLENUS | studio fluido per immagini e suoni elettroniciPLENUS nasce dall’urgenza espressiva di sperimentare punti d’incontro inediti e connessioni eccentriche tra il linguaggio poetico e visionario delle immagini video e il mondo sperimentale e non convenzionale del suono elettronico. Al lavoro compositivo riguardante l’aspetto prettamente sonoro, è stato affiancato, in piena simbiosi creativa, la produzione originale delle immagini video, in modo tale da offrire e presentare una fusione complessiva quanto più organica e coerente possibile tra i due vettori artistici in atto. Il risultato finale si presenta come percorso astratto e irregolare, trama evanescente e cifra ipnotica, ambiente acustico minimale e orizzonte visivo contemplativo, in cui convergono e combaciano le diverse sensibilità operative messe in campo, unite entrambe dal desiderio di oltrepassare il consueto e il conosciuto e così lanciarsi, con perfetta e completa convinzione, verso territori insoliti e atmosfere altamente immaginifiche, al fine, si spera, di rapire l’ascolto e meravigliare la visione.

Walter Fini: visual http://www.walterfini.com/index.php/videoMario Lino Stancati: electric devices, analog synth, live processinghttps://soundcloud.com/mariolinostancati/ausweg

I Love MY Dentist è un progetto musicale che (ri)nasce dall’incontro di due artisti che trovano nella musica il mezzo espressivo privilegiato e che decidono di ritornare alla sperimentazione con il consueto approccio minimalista, tra campionamenti noti e suoni ambientali. Dopo aver calcato i palcoscenici con vari progetti musicali di stampo post rock, arriva un lungo periodo prima di silenzio, poi di riflessioni e cambiamenti, al termine del quale decidono di iniziare questo nuovo percorso musicale. Come sempre gli schemi sono infranti e la metrica è suggerita dalle frequenze.Gli stimoli arrivano, tra gli altri, dalle performance del Teatro delle Albe, dalla contemporaneità di Julia Kent,dalla batteria di Jim White e dalle sempre care distorsioni. Un progetto che è un gioco, una passione, uno sfogo.

Mat Ming suoni e rumoriMichele Segala vocehttps://www.facebook.com/I-Love-MY-Dentist-1142659129176904

Diego Dimattia, regista e produttore di audiovisivi, ex allievo di Marco Bellocchio e Folco Quilici. Dimattia, regista teatrale, si è laureato a Padova in semiologia dello spot TV ed è stato ricercatore e docente presso il Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari. Dirige la Goldwingfilm Prod e ha curato le produzioni per altre cdp (Silverwood Production, Copenhagen; Leopard Films, NY-London; FilmArancio, Parma).www.goldwingfilm.com

www.frequenze-visive.it #officinadeisogni #doristdadacollection www.mattatoio5band.com #artshelter


Virgo Radio Puntata #4 - ART SHELTER

VirgoRadio Puntata #4 Mercoledì 5 settembre ore 21.00

Curiosi di conoscere i protagonisti delle prossime serate di Art Shelter ? Collegatevi domani sera a Spreaker per la nostra intervista con Bruno Mantra.

Inoltre, come sempre, solo tanta ottima musica originale indipendente ed emozionante.

Vi si aspetta su Spreaker a questo link virgoradio


Art Shelter #5 Amaury Cambuzat plays Ulan Bator - Opening Act Alley

Virgo art & culture box e Mattatoio5 presentano Venerdì 21 settembre 2018

ART SHELTER # 5 - UN RIFUGIO PER LA CREATIVITA' LIVE Indipendent live music, art performance, exhibition

LIVE

AMAURY CAMBUZAT PLAYS ULAN BATOR  Con il suo nuovo spettacolo Amaury Cambuzat propone un set con brani completamente riarrangiati in versione acustica che hanno segnato la storia degli Ulan Bator. La scaletta includerà anche brani dei due ultimi lavori: Abracadabra (2016) e Stereolith (2017) Biografia Il polistrumentista francese Amaury Cambuzat fonda gli ULAN BATOR nel 1993, la sua sarà una produzione infaticabile, che può annoverare ben dieci album sotto il marchio Ulan Bator. Fin dal 1996 collabora con la storica formazione dei tedeschi faUSt; registra due album col side-project Chaos Physique e tre album solisti. Tutta la sua discografia colleziona un ampio consenso trasversale, di pubblico e critica.  Ha collaborato con nomi noti della scena indipendente internazionale come Robin Guthrie (Cocteau Twins), Michael Gira (The Swans), James Johnston (PJ Harvey, Gallon Drunk, Bad Seeds), Nikki Sudden (Swell Maps), e in Italia con Egle Sommacal & Emidio Clementi (Massimo Volume). 

http://acidcobra.wix.com/acidcobra www.ulanbator.biz 

Opening act - ALLEY Alley nasce come progetto solista di Daniele Bogon, musicista e produttore padovano. Daniele da sempre nutre interesse e passione per la musica strumentale, emotiva ed evocativa al contempo, e in questo disco vuole far emergere la sua identità musicale collocandosi nello spazio tra gli elementi ai quali appartiene maggiormente: piano e sintetizzatori.  Le 10 tracce che compongono "17" nascono da suoni e immagini raccolti e catalogati durante viaggi, esperienze ed incontri, processati e mescolati fra di loro, fondendo insieme note classiche di piano e archi con elementi elettronici, con il desiderio di creare una personale colonna sonora perquelle immagini, per quei momenti.  Un soundscape fatto di field recording e lavoro in studio, cheaccompagna l’ascoltatore attraverso diversi luoghi e ambienti o semplicemente diventa colonna sonora del proprio intimo vivere quotidiano. https://www.facebook.com/alleysoundscape https://open.spotify.com/album/6awL42rPTNYUhvwFNVUvDGniafunken.org  http://newmodellabel.com

EXHIBITION Amaury Cambuzat AKA Acid Cobra  Mostra di disegni, cover e opere originali realizzate da Cambuzat. Sarà inoltre disponibile il suo libro a tiratura limitata in 300 copie “Amaury Cambuzat plays Ulan Bator” che contiente, oltre al CD con i brani registrati nel suo tour solista, anche testi e disegni realizzati per questo progetto dall'artista francese.

INFO Evento Facebook Venerdì 21 settembre 2018 ore 20.30 apertura locale, ore 21.00 inizio concerti Ingresso: UP TO YOU !! totalmente a sostegno dei progetti artisti protagonisti della serata. Virgo live art and culture box è un circolo affiliato ASI. E' possibile poter tesserarsi in loco. Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€ info e prenotazioni 3495335742 - 3482200683 Virgo live art and culture box si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516


Art Shelter #3 Templezone - I am a Vampire - A different looks di Massimo Fontolan

Virgo Club e Mattatoio5, con il supporto di MeMagazine, presentano:ART SHELTER # 3 - UN RIFUGIO PER LA CREATIVITA'Indipendent live music, art performance, photogallery

LIVE SET

TEMPLEzONE

Un'elettronica fluttuante e penetrante quella del progetto TEMPLEzONE di Giorgio Ricci che da poco ha pubblicato l'album “NEOSPHERA” un cd prodotto dalla Final Muzik seguito da alcuni remix manipolati da alcuni musicisti elettronici come DelendaNoia, The Frozen Autumn (Official), Blank, Jade Kenaz, Moreno Padoan, Evan Friedel... Le sue ultime produzioni firmate RAN (Decadance Records) e TEMPLEzONE (Laverna.net, XONAR Records & Studios) aprono alla sperimentazione di sonorità ambientali e minimali pur senza perdere di vista l'identità nell'assidua ricerca sul suono. Sperimentale lo è senz'altro NEOSPHERA: un ascolto in un ambiente minimal, immaginandosi una sfera che sfiora l'acqua come sfiora le onde sonore a sfidare le leggi della fisica, quaranta minuti di pura immersione in mondo futuristico. Un album completamente solista che sembra nascere da una colonna sonora di un film mai girato. Un lavoro che rappresenta un percorso evolutivo che si pone come genere tra l'ambient music della scuola di Brian Eno alle soluzioni più dark industrial a descrivere paesaggi cupi e a tratti malinconici. Giorgio Ricci è un nome presente nel panorama della musica elettronica da oltre vent'anni come produttore, compositore, sound designer, ha all'attivo oltre quaranta pubblicazioni ufficiali tra album, singoli, remix, soundtrack con i nomi di Templebeat, Monosonik, Ran. Fondamentali le pubblicazioni iniziali per la Fiorentina Contempo Florence e la berlinese DYNAMICA per la quale pubblica lavori in collaborazioni con grossi nomi della scena Europea come Lassigue Bendthaus, Pankow, Swamp Terrorist. Decine di apparizioni su complilation con Clock Dva, Front 242, Mik Harris, Killing Joke e altri protagonisti della scena elettronica industriale. Nei live Giorgio Ricci collabora con Simone Scar Scarani alle percussioni elettroniche a scandire il tempo di un vero e proprio viaggio a tratti fisico ma molto spesso onirico di suoni e campionamenti tra sofisticate strutture ambient e tappeti di tastiere e drones. Il tutto accompagnato da suggestive videoproiezioni.Scar ha legato il suo nome per moltissimi anni come frontman dei Frutteti Riarsi e poi dei FIRST BLACK POPE collaborando ai remix per Wumpscut, Suicide Commando, Tying Tiffany.http://www.templezone.flazio.com/home

I AM A VAMPIRE

I am a vampire è un progetto darkgaze | postpunk, caratterizzato da una voce morbida, da una chitarra eterea, ma incisiva, e da una drum machine minimale.La band, originaria della provincia padovana, è nata sul finire del 2015 ed è l’incontro artistico tra Alberto Masetto (ex Saffir Garland, Stranger Minds) e Francesca Zoccarato. Il primo è impegnato con chitarre e drum machine, la seconda dà voce alle canzoni.Entrambi sono stati mossi dalla volontà di esplorare sonorità appartenenti alla dark wave, mescolandole al proprio background musicale. Il risultato è una wave ricercata ed essenziale in cui i testi sono intesi come una sorta di autoterapia, un modo per individuare i propri fantasmi e conviverci.Nell’ottobre 2016 il progetto si è confrontato coi primi concerti avendo un buon riscontro da parte del pubblico.Dopo aver registrato il primo EP, "Rooms", prodotto da Bruno Mantra nell'estate del 2017, il gruppo ha iniziato le registrazioni del suo primo disco, che verrà prodotto da Alberto Nemo, Dimora Records.soundcloud.com/user-679286374 

PHOTO GALLERY | DIFFERENT LOOKSdi MASSIMO FONTOLAN

Massimo, animo sensibile e mente raffinata. Produce questa serie di immagini, vivendo un momento di particolare fragilità della sua vita e fotografando con musica scura a palla nelle orecchie. Poco fiducioso nelle proprie capacità di fotografo, ci spiazza da subito regalandoci, invece, una serie di paesaggi emotivi e fortemente personali, che ci porteranno nel giro di breve tempo a renderci conto che i suoi giudizi severi sul proprio operato, non erano assolutamente affidabili. Sebbene, come spesso succede, nel suo progetto, alla fine, sia uscito qualcosa di diverso da ciò che pensava di realizzare all'inizio, sappiamo che queste foto dicono la verità su di lui, perché la mente-mente ma la fotografia-no.Silvia Pasquetto Photography (Catalogo #Frequentazioni 2018 - Frequenze Visive

Biografia:1974. Ecco l’anno di nascita di Massimo. Di formazione tecnico/meccanica. Da sempre lavora come progettista. La passione per la fotografia fa le sue prime avvisaglie attorno all’adolescenza. Scattando le prime foto in analogico con una Zenit. Da sempre appassionato di tecnologia abbraccia il digitale meno di una decade fa. Da allora ricerca sempre il “suo” punto di vista. Anticonformista ed originale, non segue le mode. La musica è una parte fondamentale della sua vita, e ne scandisce i tempi e le emozioni. Se vedete qualcuno con la macchina fotografica e le cuffie è lui.

Media partner: MeMagazine https://memagazine.it/

INFO

Venerdì 23 Marzo 2018 ore 20.30 apertura locale ore 21.00 inizio concertiIngresso: UP TO YOU!!ALL'INGRESSO TROVERETE UNA CASSETTA "OFFERTA LIBERA" il cui contenuto andrà totalmente a sostegno dei progetti artistici protagonisti della serata. Virgo Club è un circolo affiliato ASI. E' possibile poter tesserarsi in loco.Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€ info e prenotazioni 3495335742 - 3482200683Virgo Club si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516


Art Shelter #2 Kleinkief - Vacuum box - One-shot stories di Michele Vanuzzo

Virgo Club e Mattatoio5, con il supporto di MeMagazine, Shyrec e Three Blackbirds presentano:ART SHELTER # 2 - UN RIFUGIO PER LA CREATIVITA'
Indipendent live music, art performance, photogallery
LIVE
KLEINKIEF
I Kleinkief sono una band art rock italiana, proveniente da Venezia. Iniziano a suonare nel 1995, pubblicano il primo disco Il sesso degli angeli nel 1997, proponendo un noise rock dai testi ispirati, che diventa ancora più viscerale e isterico nel secondo lavoro Colori Dolciumi Fotocopie del 1999.Nel 2002 con D'amortelocanto riescono ad assicurarsi la loro fetta di notorietà nel panorama indie italiano: il terzo album è un disco di pop surreale dai toni onirici e decadenti, accolto favorevolmente dal pubblico e dalla critica.Dopo un periodo di pausa di quasi dieci anni, la band firma con il proprio nome Gli Infranti, un'opera di canzoni fresche in linea con i canoni pop rock all'epoca in voga. Nella primavera del 2016 pubblicano il quinto disco Fukushima, grazie alla sinergia tra Dischi Soviet Studio e Shyrec.Fukushima non è il solito disco dal blando linguaggio oscuro e surreale, molto in voga in questitempi di piena decadenza: Fukushima è esperienza frutto della comprensione, è la praticadell'analisi del sogno come unico esercizio atto a migliorare il rapporto con il proprio l'inconscio,gesto che può solo rendere più consapevole il mondo tangibile.Thomas Zane: voce, chitarra, loop, micromoog, crumar organizer, sonagliSamuele Giuponi: batteria, campanelli, sonagliNicolo' De Giosa: chitarra, crumar organizerClaudio Favretto: rhodes,farfisaFabio Barlese: chitarraErik Ursich: basso, solina, mellotron m400, clavinet d6, minimoog, synthacon, sh 5, synthi aks, damaru, nga, rolmo, tyngsha, chitarraElena Vianello: sussurri in "Grattacieli" e "Il regno"
VACUUM BOX
Vacuum BOX sono frutto della metamorfosi dei Devotion 9, progetto creato da Thomas Fabbian (chitarra), Davide Pavan (voce), Gianluca Moccia (basso) e Daniele Longhin (batteria) ,che trae ispirazione da una comune passione per la Wave ed il Post Punk.Il primo EP omonimo, del 2015, raccoglie giudizi positivi sia in Italia che all'estero.Nel 2016 la lineup vede l'arrivo di Luca Sartori, che oltre a subentrare nel gruppo come batterista, contribuisce a dare nuova linfa vitale al progetto .L'uso di batterie elettroniche , synth, suoni elettronici e un approccio della banddiverso ancora piu carico di intensita' e emotivita’, fa virare il progetto versosonorità più tendenti allo stoner e al rock elettronico e il nome muta in VACUUM BOX
PHOTO GALLERY
ONE-SHOT STORIES di Michele Vanuzzo
Ogni volta che scatto una foto, con quel "click" aziono una piccola macchina del tempo. Cammino, esploro, mi faccio guidare dall'istinto in attesa di trovarmi nel posto giusto al momento giusto.A volte è il primo a essere importante; altre volte lo è il secondo.In qualche occasione speciale lo sono entrambi, almeno secondo le emozioni che improvvisamente mi arrivano.Se ho fortuna, riesco fermare quel particolare istante in una immagine.Se ho molta fortuna, l'immagine racchiuderà un po' delle emozioni provate in quell'istante per poi riviverle guardandola.Se ho tantissima fortuna, altre persone nel guardare quell'immagine proveranno delle emozioni, non necessariamente le mie, ognuno le proprie. Per questo amo la fotografia.mvphotos.tumblr.com www.flickr.com/photos/38464813@N03/ www.facebook.com/michele.vanuzzo
Media partner:
Shyrec, etichetta discografica indipendente attiva dal 2004, sarà presente con tutte le ultime uscitehttp://www.shyrec.it
INFO
Venerdì 2 Marzo 2018 ore 20.30 apertura locale ore 21.00 inizio concertiIngresso: UP TO YOU!!ALL'INGRESSO TROVERETE UNA CASSETTA "OFFERTA LIBERA" il cui contenuto andrà totalmente a sostegno dei progetti artistici protagonisti della serata.
Virgo Club è un circolo affiliato ASI. E' possibile poter tesserarsi in loco.Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€ info e prenotazioni 3495335742 - 3482200683Virgo Club si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516


Art Shelter #1 Mattatoio5 - Replace the Battery - Life di Nicola Paccagnella

ART SHELTER #1 - UN RIFUGIO PER LA CREATIVITA'
Indipendent live music, art performance, photogallery
LIVE
E’ una band nata nel 2004 da quattro genitori dello stesso sesso: Francesco (chitarra, voce), Angelo(chitarra), Giuseppe (batteria) e Matteo (basso, synth, drum machine). Nella sua cameretta ha i poster, ereditati dagli zii, di gruppi shoegaze dei primi anni novanta come My Bloodie Valentine, Ride e Slowdive dai quali ha imparato a essere languida e sognatrice. La psichedelia l’ha conosciuta ascoltando Spaceman3 e Earth. Quando vuole affascinarti parla il linguaggio di Explosion In The Sky e Mogwai, quando si veste a festa aggiunge accessori elettronici stile Hood o Piano Magic. Nel 2006, grazie alla collaborazione con In The Bottle Records (Flap), esce il primo EP omonimo, prodotto nel proprio campo base: un piccolo studio di registrazione, il Brown Season. Con l’uscita del disco i concerti crescono regalando a RTB nuove suggestioni da tirar giù. Da cosa nasce cosa: dal tour nascono altre canzoni. In studio, durante la stesura dei brani, incontrano Alessandro (voce e chitarra), che entra a far parte del gruppo nel 2009.A un anno di distanza, l'8 ottobre 2010, esce l'album Daily Birthday (In The Bottle/Audioglobe), che riscuote molti e positivi riscontri.Nel 2017 hanno pubblicato l'ultimo album:Maybe Tuesday (In The Bottle/Audioglobe), come sempre all'insegna del Do It Yourself e frutto di cambi di posizione vorticose...https://www.facebook.com/replacethebattery/
I Mattatoio5 sono un gruppo di musica elettronica/post rock di Padova. Il progetto nasce da Davide e Filippo che, appassionati di musica e di arti visive, a inizio 2013 decidono di creare i Mattatoio5 con l'intento di produrre musica e installazioni visive.L'anno successivo Tommaso si unisce al gruppo alla ricerca di nuove sperimentazioni vocali. I brani verranno raccolti e pubblicati nel 2015 in CHEAP POP, primo album del gruppo. I Mattatoio5 sono: Tommaso Meneghello (voce, basso), Davide Truffo (chitarra), Filippo De Liberali (synth ,programming e visual).Il nome del gruppo si ispira all'omonimo libro di Kurt Vonnegut; come Billy Pilgrim, il protagonista del romanzo viaggia con la mente per dimenticare la realtà fino a non riuscire a distinguerla dalle illusioni, noi viaggiamo con la fantasia ricreando ambientazioni sonore e visive... Mattatoio5 come rifugio dalla realtà quotidiana. Dal 2016 l'incontro con la danzatrice Sami Samuela Barbieri, arricchisce ulteriormente l'impatto live del gruppo creando performance dedicate. http://www.facebook.com/mattatoio5band
PHOTO GALLERY
Durante la serata sarà allestita la mostra fotografica LIFE, un progetto di Nicola Paccagnella.Le immagini sono state scattate a Saint-Nazaire (Francia). Si tratta di un immenso bunker, costruito nel 1940 dall'esercito tedesco che fungeva da base dei sottomarini e che, da luogo di guerra, morte e odio è diventata luogo di cultura, di divertimento e di svago aperto alla città e ai visitatori.
L'autore presenterà i suoi scatti dalle 20.30 e vi aspetta per raccontarvi le sue fotografie e condividere un aperitivo.https://www.nicola.photos
Media partner: MeMAGAZINEhttps://memagazine.it
INFO
Venerdì 26 Gennaio 2018 ore 20.30 apertura locale ore 21.00 inizio concertiIngresso a offerta libera a sostegno della musica indipendente e dell'arte! ALL'INGRESSO TROVERETE UNA CASSETTA "OFFERTA LIBERA" il cui contenuto andrà totalmente a sostegno dei progetti artistici protagonisti della serata. Virgo Club è un circolo affiliato ASI. E' possibile poter tesserarsi in loco.Contributo associativo richiesto per la serata soli 5€ con consumazione inclusa (birra piccola o analcolico) info e prenotazioni 3495335742 - 3482200683Virgo Club si trova in via Padana 32\A a S.Angelo di Piove di Sacco, lungo la SS516